Il Salone di Francoforte 2015 porta a battesimo la nuova Renault Megane, l’anti Golf francese ha la faccia tosta di debuttare proprio in casa della vettura riferimento della categoria: una chiara dimostrazione di forza che sottolinea una grande maturità progettuale.

Chiaramente, la nuova compatta francese deve confrontarsi anche con un’altra tedesca, che ha scelto l’appuntamento di Francoforte per mostrarsi in pubblico con una nuova veste e nuovi contenuti: la nuova Opel Astra.

Per questo non sono ammessi margini d’errore, e la quarta generazione della Megane è destinata a convincere subito, con un design accattivante che la rende distinguibile al primo colpo d’occhio. Aggressiva, muscolosa e filante, la vettura in questione si mostra rigorosa ed atletica al tempo stesso.

Rispetto al modello che sostituisce, le carreggiate sono più larghe (+ 47 mm all’anteriore e +39 mm al posteriore), mentre il passo è più lungo di 28 mm. Inoltre i gruppi ottici presentano il design già visto sulla Talisman e rappresentano il nuovo elemento distintivo dei modelli della Losanga.

Già dal suo debutto, fa bella mostra di sé la variante GT, quella dedicata agli automobilisti dall’animo sportivo, che si distingue per via delle prese d’aria anteriori più generose, per i cerchi da 18 pollici, il profilo estrattore ed il doppio scarico con tanto di cromature.

La R.S. arriverà più avanti, per sfidare la nuova icona sportiva del segmento, la Honda Civic Type-R, ma ci sarà tempo per parlare di lei e delle sue prestazioni da riferimento. Nel frattempo, la Megane porta a battesimo un sistema d’infotainment, denominato R-Link 2, che, come sulla Espace e sulla Talisman, si gestisce attraverso uno schermo verticale.

Sotto il cofano i motori turbo la fanno da padrone, con i turbodiesel che rappresentano il miglior compromesso tra prestazioni ed economia d’esercizio. Vedremo più avanti se arriveranno altre varianti di carrozzeria per questo modello che sarà decisamente importante per le vendite europee della Renault.