La parte del leone, in tutti i sensi, dello stand di Peugeot al salone di Francoforte, l’ha fatta la nuova 308. Questa vettura gioca un ruolo strategico per la casa transalpina, poiché compete in un segmento, il C (berline compatte), che vale un terzo delle vendite totali europee.

Tra i criteri seguiti nello sviluppare la nuova 308, l’efficienza gioca un ruolo di primo piano. La si trova prima ancora di avviare il motore. Infatti l’adozione della nuova piattaforma Emp2 ha consentito di risparmiare 140 Kg di peso rispetto alla precedente versione, parallelamente ad un miglioramento nella robustezza. Ne illustra meglio i dettagli Eugenio Franzetti, direttore relazioni esterne Peugeot Italia, nel video qui sotto.

I propulsori adottati dalla 308 sono i più recenti e rinnovati della linea Peugeot, dal tricilindrico a benzina 1.2 da 82 cavalli, al 1.6 diesel da 115 cavalli, passando per il 1.6 THP a benzina da 155 cavalli. Tutti questi motori hanno tra le caratteristiche primarie bassi consumi ed emissioni inquinanti contenute.

E c’è anche un’altra novità: la 308 sarà la prima vettura a montare il 1.2 benzina a tre cilindri turbo. E’ chiamato e-THP, è disponibile in due versioni di potenza: 110 e 130 cavalli.