Sono passati 109 anni e sei mesi da quel 16 giugno del 1903, giorno in cui Henry Ford e altri undici soci (tra cui i fratelli Dodge, i quali successivamente fondarono l’omonima marca) costituirono formalmente la Ford Motor Company, avviata con un capitale di 28mila dollari versati in contanti. Il resto è storia, come si usa dire. Ma da cosa è fatta questa storia? Le auto dall’ovale blu che vediamo tutti i giorni ce ne raccontano solo una piccola parte, sebbene ne sintetizzino bene lo spirito. Per avere un’idea più precisa, da un punto di vista visivo, di quanto la Ford abbia influito sull’intera storia americana (e non solo: l’introduzione della catena di montaggio ha rivoluzionato l’industria mondiale), può essere utile dare un’occhiata a ciò che viene esposto nel museo che prende il nome proprio da Henry Ford, visitato da Leonardo in occasione del Salone di Detroit.

Il capostipite lo fondò nel 1929 a Dearborn, sobborgo di Detroit dove ha sede il principale complesso industriale della casa. Il nome originale era Edison Institute, dedicato al geniale inventore, suo grande amico e mentore. Ford vi trasferì la propria voluminosa collezione libraria. Nel corso degli anni il museo è andato oltre l’automobile. Oggi ospita sezioni dedicate all’areonautica, al volo, all’agricoltura, all’energia. Ma ovviamente le auto sono la cosa più importante. Dal Modello T alla Mustang, dalla Bugatti alla Lotus Ford di Formula 1; dalla Tucker al Maggiolino Volkswagen; dalla limousine Lincoln presidenziale di Eisenhower a quella di Kennedy; da una locomotiva a vapore alla riproduzione dell’aereo con cui Charles Lindberg effettuò la prima traversata dell’Atlantico; da una sezione dedicata ad Abraham Lincoln alla prima officina di Henry, fino ai grattacieli costruiti con i mattoncini Lego. E’ quanto potete vedere nella nostra gallery.