Per la Ducati le cose non si mettono bene, o meglio, la Desmosedici è migliorata tanto in due mesi ma non è ancora ai livelli delle vetture della Repsol Honda o della Yamaha e questo, per Biaggi, sembra il motivo per cui il Dottore non scherza più come una volta. 

Chi segue il motociclismo da un po’ è abituato alle “uscite” di Valentino Rossi che quando collezionava un successo dietro l’altro era anche un po’ strafottente. D’altronde riusciva spesso a salire sul podio. Ora, da quando il podio manca nelle sue giornate in pista, il Dottore sembra aver perso il sorriso.

E’ questo quel che dichiara Max Biaggi alla vigilia dell’appuntamento del Superbike ad Imola. Il campione di Tavullia sembra sottotono, dice il pilota romano provando a punzecchiare l’eterno rivale nell’amore per le due ruote.

Biaggi e Rossi non corrono più nella stessa categoria, eppure la rivalità è sempre presente nei loro discorsi. Il Corsaro, da sempre identificato come il diavolo in confronto all’angioletto Rossi, adesso di prende la sua piccola rivincita paragonando Valentino ad un fiore che perde petali, mente Biaggi rifiorisce.

Biaggi non ha ancora parlato del rinnovo del contratto con l’Aprilia ma sembra disposto a prendere in considerazione un ritorno nel MotoGp: dopo l’estate guarderà al futuro.