Domenica 16 dicembre Robert Kubica ha portato a casa un’importante vittoria nel mondo dei rally in attesa del suo debutto iridato nella stagione 2014 (CLICCA QUI PER I DETTAGLI). Il pilota polacco è passato per primo sotto la bandiera a scacchi della 5° Ronde di Sperlonga insieme a Maciej Baran, dominatori incontrastati della gara con la loro Peugeot 207 S2000 firmata dalla piemontese Erreffe.

L’acclamatissimo neo-Campione del Mondo WRC2, nonostante la mobilità del braccio destro non sia ancora quella di prima (LEGGI QUI IL SUO RITORNO ALLE GARE), ha preso il comando dal primo dei quattro passaggi sulla ‘piesse’ della Magliana e non lo ha più lasciato fino al traguardo. La vittoria è arrivata grazie a un ritmo diventato subito insostenibile per la pur qualificata concorrenza che si é trovata a controbattere lungo i quattro passaggi della classica prova speciale. Il secondo gradino del podio è andato a Graziano De Santis, al via con la nuovissima Ford Fiesta R5: il frusinate è stato autore di una notevole progressione dalla settima posizione che lo ha portato addirittura a siglare il miglior tempo sulla chrono di chiusura.

De Santis è riuscito quindi a sopravanzare all’ultimo tuffo il napoletano Fabio Gianfico, in coppia con Mongillo, su una Mitsubishi Lancer Evo IX, finito con merito al terzo posto. Sparito velocemente di scena il friulano De Cecco, vincitore delle ultime due edizioni della Ronde a causa di problemi ad un semiasse già al primo impegno cronometrato. L’albo d’oro della manifestazione è andato ad arricchirsi di un nome di caratura internazionale come il polacco di Cracovia, ex pilota di F1 (QUI LE SUE DICHIARAZIONI) e nuova guida ufficiale Ford per il mondiale rally. In cui promette di togliersi parecchie soddisfazioni.

CLASSIFICA FINALE (top ten):

1. KUBICA-GERBER (Peugeot 207) in 26’51.4; 2. DE SANTIS-LUZZI (Ford Fiesta R5) a 35”0; 3. GIANFICO-MONGILLO (Mitsubishi Lancer Evo IX) a 48”8; 4. COBBE-BORDIN (Ford Focus WRC 08) a 57”6; 5. RENDINA-PIZZUTI (Mitsubishi Lancer Evo IX) a 1’09”8; 6. BELAABDOUNI-GIROLAMI (Peugeot 207) a 54”6; a 1’13”2; 7. CORSETTI-COLOGGI (Mitsubishi Lancer Evo IX) a 1’32”1; 8. FURCI-CULASSO (Peugeot 207) a 1’39”2; 9. CANNAVO’-CAMBRIA (Abarth Grande Punto S2000) a 1’00.2; 10. CIARDI-OTTAVIANI (Mitsubishi Lancer Evo IX) a 1’46”4.