Il rientro in MotoGP di Suzuki si apre nel migliore dei modi. La casa di Hammamtsu tornerà nel motomondiale d’elitè solo nel 2015 ma a giudicare dal primo test arrivano segnali più che incoraggianti.

Con la moto che verrà sviluppata, una 1000cc in linea a 4 cilindri, il test team Suzuki è andato fortissimo. Il collaudatore Randy de Puniet ha fatto registrare tempi sufficientemente competitivi: otto decimi dal migliore di giornata, tanto per cambiare Jorge Lorenzo, fresco trionfatore del Montmelò. La Suzuki dimostra di essere già più rapida delle CRT (Espargaró escluso) ed è a un solo decimo dal crono di Valentino Rossi. Anche se la novità del lunedì di test è stata la consegna della Yamaha ufficiale 2013 a Cal Crutchlow.

Tutto, come da perfetta tradizione nipponica, è già programmato: dopo il test di lunedì sul circuito di Catalunya ne sono già pronti altri. Mercoledì il team guidato da Davide Brivio sarà di scena ad Aragon per continuare a migliorare l”utilizzo della tecnologia avanzata nel nuovo prototipo, che ha come obiettivo quello di applicarla in seguito a modelli di produzione Suzuki. Ad Alcaniz si attendono condizioni climatiche più favorevoli rispetto alla pioggia di oggi e in pista la Honda conta di far provare le RC213V 2014, che il solo Stefan Bradl ha assaggiato per pochissimi giri.

Paolo Sperati su @Twitter e @Facebook

LINK UTILI

MotoGP Catalunya 2013: fantastico successo di Jorge Lorenzo

Qualifiche: Pedrosa spaventoso, Lorenzo infuriato

Libere: Rossi davanti a tutti, due anni dopo

Mugello: Lorenzo strepitoso, Pedrosa è secondo

Valentino Rossi a fine carriera sulle auto