Se un lavoratore utilizza la sua auto privata, per compiere trasferte di lavoro, che vanno a beneficio dell’azienda e del datore di lavoro, ha diritto a presentare un rimborso spese chilometrico.
Per effettuare questa richiesta, il dipendente dovrà presentare un resoconto particolareggiato (inserendo anche tutte le spese di viaggio, come i pedaggi autostradali), fornendo diverse informazioni necessarie:

- Tipo di veicolo utilizzato

- Marca del mezzo

- Tipo di alimentazione del mezzo

- Data della trasferta

Tenendo conto di tutti questi dati, il rimborso verrà calcolato secondo le tabelle messe a disposizione dall’ACI, come specificato nel supplemento ordinario n. 211 della Gazzetta ufficiale n. 297 del 21 dicembre 2012, dall’Agenzia delle Entrate.

Tali tabelle sono costantemente aggiornate e si possono trovare sul sito dell’ACI; sempre sullo stesso sito, si può, poi, calcolare velocemente il giusto rimborso, utilizzando un servizio apposito messo a disposizione.

photo credit: Cisco via photopin cc