Se avete ricevuto una multa e, considerandola ingiusta, non avete nessuna intenzione di pagarla, potete contestarla, rivolgendovi al giudice di pace o al prefetto. Analizziamo, ora, insieme questo secondo caso.

  • Il primo passo è quello di presentare ricorso al Palazzo del Governo competente per il territorio a cui risponde l’agente che ha emesso la multa in questione. In allegato al ricorso, il ricorrente ha la possibilità di allegare anche tutta la documentazione che ritiene significativa e può chiedere anche un’audizione personale.
  • L’organo di polizia avrà a disposizione 60 giorni, per prendere visione del ricorso e per spedirlo alla prefettura, corredandolo con le eventuali controdeduzioni.
  • La prefettura, disponendo ulteriori 120 giorni, analizzerà il caso, procedendo per la successiva ordinanza.

In caso che il ricorso venga respinto, il richiedente si troverà a pagare una multa ben più cara, visto che la sanzione pecuniaria non potrà necessariamente essere inferiore al doppio di quella originaria, con l’aggiunta ulteriore delle spese per il procedimento.

photo credit: Agência Senado via photopin cc