Mentre negli Stati Uniti si celebra il #BackTotheFutureDay con il geniale spot che celebra la Toyota Mirai, la casa giapponese annuncia il richiamo di 6,5 milioni di auto su scala globale. Il difetto riguarda gli alzacristalli elettrici che sarebbero a rischio di cortocircuito e potenzialmente in grado di provocare un incendio.

Stando ai dati diffusi circa 2,7 milioni di auto sarebbero in Nord America, circa 1,2 milioni in Europa e 600.000 in Giappone. I modelli sono in particolare Yaris, Corolla, Camry e Rav4, prodotti tra il 2005 e il 2010. Toyota ha precisato di non essere a conoscenza di incidenti causati dal possibile malfunzionamento che quindi hanno portato danni alle persone, per cui il richiamo è puramente precauzionale e volontario.

La casa aveva precedentemente richiamato alcuni veicoli prodotti dal 2007 al 2009 per un problema simile ma stavolta si tratta di veicoli diversi che hanno utilizzato un metodo alternativo di applicazione del lubrificante. I proprietari dei veicoli interessati dal richiamo Toyota saranno avvisati tramite posta prioritaria. Le officine Toyota valuteranno l’interruttore degli alzacristalli e applicheranno un grasso resistente al calore. Se l’interruttore non funziona correttamente, il circuito interno verrà sostituito.

La decisione non dovrebbe intaccare la reputazione del colosso giapponese che nel piano di riduzione delle emissioni e nel Toyota Environmental Challenge si pone l’ambizioso obiettivo di produrre solo auto ibride e a idrogeno entro il 2050 evitando la produzione orientata verso modelli basati su propulsori inquinanti. Qui i dettagli del piano Toyota.

Richiamo Toyota, i veicoli certamente coinvolti:
2007 e 2009 Camry e Camry Hybrid
2009-2011 Corolla
2008-2011 Highlander e Highlander Hybrid
2009-2011 Matrix
2006-2011 RAV4
2009-2011 Sequoia
2009-2011 Tundra
2006-2011 Yaris
2009-2011 Scion xB
2009-2011 Scion xD