Citroën Mehari e la nuova E-Mehari saranno tra le protagoniste di Retromobile 2016, in programma dal 3 al 7 febbraio 2016 a Parigi. Nel maggio 1968 la casa francese presentava Mehari, un modello all’avanguardia dedicato al tempo libero: una cabriolet atipica, costruita sulla piattaforma della Dyane 6 che con no stile fresco e senza pretese sconvolse i codici delle tradizionali cabriolet.

Compagna ideale per le fughe al mare, grazie alla carrozzeria in ABS che la rende molto leggera (525 kg), si rivela subito un successo grazie anche alla modularità e ai colori vivaci. Simbolo di libertà e di uno stile di vita semplice, inizia una lunga carriera cinematografica (in particolare nella serie “Le Gendarme” con Louis de Funès) e sulle strade del mondo (Raid Liège-Dakar-Liège nel 1969, Raid Paris-Kaboul-Paris nel 1970, ecc.) diventando anche una storica alleata dell’esercito francese e della gendarmeria nazionale. Prodotta per quasi 20 anni, fino al 1987, Citroën Mehari raggiunge quota 145.000 esemplari.

Quasi 30 anni dopo, il marchio rinnova questo spirito con un’erede la nuova E-Mehari che riprende i tratti fondamentali della sorella maggiore (cabriolet 4 posti disinvolta e modulare, carrozzeria in plastica e abitacolo interamente lavabile, colori vivaci, ecc.) con l’aggiunta di un motore 100% elettrico (batteria LMP progettata dal Gruppo Bolloré), perfettamente in linea con lo spirito e l’utilizzo del modello.

Nell’attesa della commercializzazione, prevista per la primavera, i visitatori del Retromobile 2016 potranno scoprire la nuova E-Mehari in anteprima e ritrovare scoprire la Citroën Mehari originale. Grazie alla partecipazione dei club di collezionisti appassionati, il marchio francese espone alcune auto storiche entrate nella leggenda, in particolare la C6, simbolo degli anni 30, la Traction, auto simbolo dell’anteguerra, la 2 CV in versione furgone, che quest’anno festeggerà 65 anni, o ancora la CX, modello di riferimento degli anni 70.