La McLaren si è chiusa  a riccio intorno a Button, un po’ come aveva fatto la Ferrari con Massa perché il pilota in questione ha attraversato un brutto momento, povero di successi dopo l’esordio stagionale vincente.

In McLaren hanno detto subito che i guai di Button, essendo ancora non identificati e difficili da capire, non sarebbero stati facilmente risolti. Nel Gran Premio canadese la delusione per le prestazioni è stata davvero tanta ma sembra che il campione del mondo Button sia pronto alla resurrezione.

Secondo quanto dichiarato da Whitmarsh, sulla MP4-27 numero 3 qualcosa non ha funzionato come avrebbe dovuto, il che vuol dire che quello di Button non è stato un blocco psicologico, quanto piuttosto un guaio tecnico.

Ecco la dichiarazione che arriva dal comparto tecnico:

Credo che potremo preparare la sua macchina in modo differente, sia per le qualifiche che per la gara. Abbiamo già visto quest’anno come le squadre possano azzeccare perfettamente la finestra degli pneumatici oppure mancarla, e non credo che noi siamo tanto distanti. Non c’erano grossi problemi nel suo set-up, eppure le prestazioni sono state diverse da quelle attese. Ora credo che siamo più vicini a capire il tutto.

Adesso saranno soltanto il tempo e i prossimi gran premi ad illustrare la “guarigione”.