La rivoluzione del segmento C passa per Francoforte, dove, oltre alla nuova Opel Astra, ci sarà un’altra compatta a tenere banco, la nuova Renault Megane, che è giunta alla quarta generazione e si annuncia più matura che mai.

Dopo tutto, la bestseller del segmento, ovvero la Volkswagen Golf si è evoluta in maniera significativa nel corso degli anni, ed è necessaria tutta l’intraprendenza degli uomini della Losanga per contrastare il suo ruolo nel mercato e nel cuore degli automobilisti europei.

Così, alla Renault hanno pensato a donare alla Megane di nuova generazione una linea moderna e filante, ma anche aggressiva e muscolosa al tempo stesso. I gruppi ottici ricordano quelli della nuova ammiraglia della Casa transalpina, ovvero la Talisman, ed evidenziano il nuovo corso stilistico del Marchio.

Interessante notare che le carreggiate sono più larghe, con quella anteriore cresciuta di 47 mm e quella posteriore di 39 mm, mentre il passo è più lungo di 28 mm. Ciò significa più spazio a bordo, soprattutto per i passeggeri posteriori e, una tenuta di strada migliore.

Per sottolineare il dinamismo della sua nuova compatta, la Renault ha deciso che porterà a Francoforte anche la variante denominata GT, che non sarà cattiva come la R.S. ma che, grazie ad alcuni particolari, risulterà decisamente grintosa.

Infatti, i cerchi in lega da 18 pollici, il paraurti anteriore con più spazio per le prese d’aria, l’estrattore posteriore ed il doppio terminale di scarico cromato, la dicono lunga sulle qualità dinamiche della vettura che si annuncia più coinvolgente alla guida.

All’interno, la nuova Megane riceverà gli accorgimenti tecnologici delle ultime creazioni della Losanga, quindi non mancherà il sistema d’infotainment R-Link 2 con tanto di schermo verticale, già visto sulla nuova Espace e sulla Talisman.

Vedremo come sarà l’accoglienza del pubblico verso questa vettura che sarà decisamente importante per il futuro della Renault visto che va ad inserirsi in un segmento di mercato decisamente combattuto, dove contano sia l’immagine che i contenuti.