Ennesimo ampliamento per i programmi comuni avviati nel 2010 dall’Alleanza Renault-Nissan Daimler che hanno annunciato la costituzione di una joint venture paritaria che sovrintenderà alla produzione nel nuovo stabilimento di Aguascalientes, nel Messico centro-settentrionale, di veicoli compatti di fascia alta. La nuova struttura sorgerà nelle immediate vicinanze di uno stabilimento Nissan già operativo e, funzionando a pieno regime, avrà una capacità annua di 300.000 veicoli. L’avvio della produzione è previsto per il 2017 con i modelli Infiniti , seguiti nel 2018 dai veicoli a marchio Mercedes-Benz.

Per lo stabilimento di Aguascalientes, Daimler e Nissan si divideranno i costi totali di investimento, pari a circa un miliardo di euro. Una volta raggiunta la piena capacità, presumibilmente nel 2021, lo stabilimento darà lavoro a circa 5.700 dipendenti, fra personale ingegneristico, produttivo e di supporto: “E’ uno dei più vasti progetti mai affrontati dall’Alleanza Renault-Nissan con Daimler – ha detto Carlos Ghosn, Presidente e CEO dell’Alleanza Renault-Nissan -. È la dimostrazione di come questa collaborazione di origini europee abbia ormai assunto un respiro globale”. Gli fa eco Dieter Zetsche, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Daimler AG e Responsabile di Mercedes-Benz Cars: “Ad Aguascalientes porteremo questa partnership a un livello superiore, unendo le competenze di Daimler e Nissan in un unico stabilimento produttivo a soli quattro anni dalla nascita della collaborazione”.

La stretta collaborazione tra Infiniti e Mercedes-Benz in ogni fase di sviluppo, dalla ricerca avanzata alla progettazione, fino ad arrivare alla produzione, garantirà l’eterogeneità dei veicoli nati nell’ambito di questo progetto, in termini di design e specifiche del prodotto. Ad Aguascalientes, entrambi i partner potranno avvalersi della forza lavoro di Nissan, presente nella città messicana dal 1992 dove ormai da qualche anno il suo stabilimento si è reso protagonista di una significativa espansione. A novembre, Nissan ha inaugurato ad Aguascalientes la prima parte di un complesso industriale da 2 miliardi di dollari, incrementando la propria capacità totale in Messico fino a toccare quota 850.000 veicoli all’anno. Per Daimler, il Messico è già un mercato di rilievo: l’azienda possiede stabilimenti di produzione per autocarri e bus a Saltillo, Santiago Tianguistenco e Garcia, oltre a un centro di distribuzione ricambi a San Luis Potosí e uno stabilimento di rigenerazione a Toluca oltre a un centro di formazione e controllo pre-consegna (PDI) dedicato per le autovetture.

La collaborazione industriale franco-nipponica-tedesca tra Daimler e l’Alleanza Renault-Nissan ha inizio quattro anni fa con tre progetti cardine, rivolti principalmente all’Europa; da allora si è arrivati a dodici progetti. Ultimo l’accordo raggiungo sull’impianto di Decher che fornirà i motori destinati alle Mercedes-Benz Classe C e Infiniti Q50. Entro fine anno, l’Alleanza e Daimler cominceranno a commercializzare le city-car Smart  e Twingo di nuova generazione: sviluppate su una piattaforma condivisa, la Smart Fortwo uscirà dalle linee di Hambach, in Francia, mentre Twingo e Smart a quattro posti verranno realizzate nello stabilimento sloveno di Renault a Novo Mesto.

LEGGI ANCHE

Renault Nissan alleanza: obiettivo 4,3 miliardi di euro

Renault Nissan Alliance: alleanza record grazie a Cina e USA

Renault-Nissan investirà 160 mln di dollari in Corea