La Renault Kwid, il SUV compatto low-cost che il marchio francese commercializza in India, potrebbe prossimamente debuttare anche sui mercati europei. È questa l’ipotesi formulata dalla rivista AutoPlus ma non ancora confermata dai vertici Renault, che al momento hanno preferito non commentare.

La testata francese basa le proprie riflessioni sulla decisione del costruttore di affiancare al piccolo 800cc da 57 cavalli che equipaggia la Renault Kwid in India il più potente tre cilindri 1.0 da 70 cavalli, lo stesso che viene impiegato sulla piccola Twingo. Questa mossa viene letta infatti come il primo passo per poter omologare il SUV economico anche in Europa.

Punto forte della Kwid è stato finora il prezzo decisamente contenuto, al punto che il modello ha potuto far leva su un listino base di circa 3.500 euro. Tale soglia sarebbe ovviamente destinata a salire nel caso di importazione nei mercati UE, soprattutto se si considerano le modifiche tecniche necessarie per rispondere alle norme europee sulla sicurezza in fatto di dotazioni presenti a bordo.

Nonostante ciò, le ipotesi di Autoplus danno un prezzo stimato per l’eventuale Kwid europea vicino ai 6.000 euro, ovvero una cifra assolutamente concorrenziale che renderebbe molto interessante proposta francese, anche a fronte di probabili rinuncie sul fronte della qualità e dell’allestimento generale.

In ogni caso, se Renault deciderà davvero di proporre il suo SUV compatto low-cost nel Vecchio Continente, non si esclude la possibilità che venga utilizzato il marchio romeno Dacia, esattamente come fatto con la linea di modelli a basso costo che la casa francese propone attualmente sui mercati occidentali.