Anche la Renault entra nel mercato degli urban crossover, i Suv compatti. La nuova vettura si chiama Captur. Verrà prodotta nello stabilimento spagnolo di Valladolid e presentata al Salone di Ginevra, a marzo.

La Captur nasce all’insegna della praticità. Come sottolinea il direttore gamma prodotto della Renault, Benoit Bochard: “Renault Captur è un crossover compatto, privo di aggressività, con un deciso spirito pratico. Un autentico crossover da vivere”.

Compattezza, innanzitutto: la Captur è lunga 4,12 metri. L’abitabilità è quasi da monovolume; comprende una posizione di guida rialzata e un grande vano bagagli. Tra i sistemi elettronici disponibili, ci saranno il dispositivo per aprire e avviare senza chiave, assistenza alla partenza in salita, telecamera e radar di parcheggio. Le connessioni prevedono il sistema R-Link, un tablet multimediale integrato all’impianto audio.

La Captur è derivata dalla piattaforma della Nuova Clio e punta su tenuta di strada e maneggevolezza. I motori sono i più recenti progettati dalla casa francese e montati sulle altre vetture.