La Red Bull ha decisamente saltato i convenevoli ed ha scelto di far debuttare la sua RB11 direttamente in pista, per essere pronta a girare sin dal primo giorno durante i test di Jerez. Così, è apparsa sul tracciato in livrea mimetica, con un camouflage bianco e nero che maschera le linee generali.

L’aspetto  della Red Bull che balza all’occhio maggiormente, rispetto alle altre monoposto, è il muso rialzato, da cui passa sicuramente una gran quantità d’aria. Una scelta che giustifica le tante difficoltà avute con i crash-test in corso d’omologazione.

La fiancata si presenta più complessa se paragonata con quella delle monoposto avversarie, infatti è svasata nella parte bassa mentre le pance laterali sono decisamente più snelle quando si avvicinano alla zona posteriore.

Nessun pinna sulla zona del motore, la cui copertura si prolunga fino al pilone dell’alettone posteriore e dona alla RB11 una mise aerodinamica decisamente originale, figlia delle intuizioni di un genio del calibro di Adrian Newey.