Un passo indietro a volte si può fare, se ne vale la pena, se i vantaggi sono reciproci, e se qualcosa è andato storto da entrambe le parti, stiamo parlando dello strano caso Red Bull, che prima ha criticato aspramente i motori Renault e poi è tornata sui suoi passi, dando un’altra chance ai propulsori transalpini.

Nelle prove libere infatti, Ricciardo avrà il compito, ingrato, di provare il motore Renault evoluto con 11 dei 12 gettoni che aveva ancora a disposizione. Una power unit sicuramente più performante, che potrebbe essere scelta dalla squadra di Milton Keynes anche per il 2016.

Quindi, sarà necessario capire se questo motore avrà i numeri per soddisfare le ambizioni di un team che non vuole rimanere fuori dalla lotta per il mondiale, come è avvenuto nelle ultime due stagioni.

Camera di combustione, testata, condotti d’aspirazione e pistone, sono tutti nuovi, e bisogna verificare come reagiranno quando verranno sottoposti allo stress della pista, una situazione che ha causato non poche rotture nella power unit del 2015.

Quindi, in base a questo responso, la Red Bull potrebbe continuare la collaborazione con Renault, soprattutto adesso che ha incassato un deciso no da parte della Ferrari, ribadito dallo stesso Marchionne durante le finali mondiali del Mugello, dove il Presidente della Rossa ha spiegato chiaramente che la squadra di Maranello non è disposta a dare i suoi stessi motori, con le medesime specifiche, alle lattine volanti.

Quindi, con l’ipotesi Mercedes, ormai accantonata, la strada della Renault rimane quella più percorribile. “Come Red Bull vogliamo sapere qual è il potenziale Renault – ha specificato Ricciardo - la squadra è ancora indecisa sul da farsi il prossimo anno, per cui questa è una buona occasione per scoprire se c’è qualcosa di positivo che ci induca a portare avanti la collaborazione anche il prossimo anno”.

Vedremo come andrà la vettura con il nuovo motore nelle libere, e se i dati raccolti incoraggeranno la Red Bull a proseguire la sua avventura in Formula 1 con la Renault.