Lo splendido successo di  Daniel Ricciardo in Belgio (QUI IL REPORT) ha regalato alla Red Bull un traguardo speciale. La scuderia austriaca è diventata la quinta squadra della storia della Formula 1 a conquistare 50 successi. Un’impresa riuscita solo a Ferrari, McLaren, Williams e Lotus. E il dato è ancor più sorprendente se si pensa che da soli dieci anni la Red Bull corre Formula 1 e che la prima vittoria è arrivata in Cina nella stagione 2009. Da quel momento è iniziata l’ascesa inarrestabile del team fino all’incredibile record di 9 vittorie consecutive nella scorsa stagione.

Il 2013 ha portato il quarto titolo piloti e costruttori consecutivo con Vettel che ne ha fatta di strada dall’incredibile successo con la Toro Rosso del 2008 a Monza. Ora che il campione del mondo sta affrontando la fase più difficile della sua carriera tocca all’emergente Ricciardo, che sta oscurando costantemente l’iridato in carica, regalare soddisfazioni alla squadra che dal 2009 ha sempre vinto almeno una gara per stagione. Con il picco del 2013: 13 vittorie, il 68.4% delle gare.

I circuiti dove i piloti della “lattina” fanno la differenza sono soprattutto Suzuka e Interlagos: sia in Giappone che in Sudamerica hanno centrato quattro successi. Per quattro stagioni consecutive la scuderia austriaca ha portato entrambi i piloti a vincere. Sedici, infatti, le doppiette Red Bull messe a segno dalla coppia Vettel-Webber. L’australiano ha lasciato la F1 è stato sostituito quest’anno dal giovane connazionale di origini italiane. Qualcuno nutriva dubbi sulle potenzialità di Ricciardo (foto by InfoPhoto). Lui ha risposto con il consueto sorriso e soprattutto in pista facendo entrare la Red Bull nella storia.