Oltre alla Ferrari c’è un’altra squadra che in questo momento, in attesa di scendere in pista, si rammarica per i risultati ottenuti durante le qualifiche: la Red Bull. Vettel era ad un passo da Hamilton, anzi era sembrato quasi più veloce, poi ha ceduto il passo anche a Maldonado. 

La Red Bull, quest’anno, fatica a trovare un buon assetto per la vettura, nonostante nella classifica costruttori sia ancora alla guida. Certo è che dovrà difendersi dalla McLaren che sembra arrivare a gran velocità dalle retrovie. Ancora una pole per Hamilton, ancora una delusione per Vettel che non si nasconde davanti ai giornalisti:

Sono deluso per questo terzo posto, le potenzialità per fare la pole c’erano tutte, però non ho certo fatto un giro perfetto. Il terzo posto sarà un buon punto di partenza per cercare di fare il massimo domani, quando conterà in quanto è domani che assegneranno i punti. Sono comunque fiducioso.

 Fiducia e delusione si mescolano in Vettel che ha i soliti problemi con le gomme. Fino a che usa le soft sembra un po’ zavorrato ma non ha problemi. Poi in Q2 monta le Supersoft e migliora la prestazione di quasi un secondo e mezzo.

In Q3 sia Vettel che Webber entrano in pista nella seconda parte ma stavolta, anche con le P Zero Supersoft, i risultati non arrivano: Vettel terzo e Webber settimo.