Per recuperare i punti della patente è necessario iscriversi un corso apposito, che, fino a non molto tempo fa, si poteva frequentare solo in seguito alla comunicazione ufficiale della decurtazione subita.

Come riportato dal Sole24Ore (cliccate qui, per leggere l’articolo), a partire dal maggio del 2013, questa limitazione è scomparsa, con un’evidente vantaggio, per tutti gli automobilisti: ora, infatti, non servirà più attendere parecchio tempo, ma basterà dimostrare che i punti sono stati tolti, presentando le stampate tratte dal Portale dell’automobilista o dalla banca dati della Motorizzazione.

In questo modo, la procedura per il recupero punti è resa più lineare, certa e, soprattutto, molto più rapida, superando l’arrivo tanto problematico della comunicazione ufficiale (in tanti casi, questo avviso non è mai pervenuto, provocando numerosi contenziosi).

Per saperne di più sulla patente a punti, cliccate qui.