Ben 4 milioni di veicoli circolano ogni giorno sulle strade italiane senza la copertura assicurativa obbligatoria. Di questi, 2,8 milioni sono automobili. Si tratta dell’8% del totale del parco circolante.

Questa conclusione emerge da uno studio elaborato dall’Aci, sulla base di una rilevazione effettuata dal 24 al 30 ottobre a Roma. Incrociando i dati ripresi dalle telecamere che controllano i passaggi attraverso le zone a traffico limitato (190.391 nel periodo considerato) con quelli di Pra e Ania, è stato accertato che il 9% delle auto e il 15% dei motocicli in transito era senza assicurazione; non solo: ne era sprovvisto anche il 17% degli autoveicoli promiscui, il 4% degli autocarri e perfino il 2% degli autobus.

Il presidente dell’Aci, Angelo Sticchi Damiani, spinge sulle forze politiche: “La metodologia definita con le amministrazioni della Capitale può essere replicata senza costi per lo Stato in tutte le città italiane e Aci si propone come partner istituzionale a livello nazionale e locale. Ora Governo e Parlamento devono fare la loro parte varando un dispositivo di legge che permetta di sfruttare appieno tale tecnologia per la prevenzione di questi fenomeni così pericolosi e dannosi per la collettività”.

Attualmente il Codice della strada non permette agli strumenti di telecontrollo di sanzionare la mancata copertura della Rc auto.

LINK UTILI

Il dramma della RC Auto, difficile pagarla

Rc auto, la rivoluzione delle liberalizzazioni è legge

Rc Auto: vietato il tacito rinnovo e spariscono i 15 giorni di proroga

photo credit: aldoaldoz via photopin cc