Una Range Rover Sport a controllo remoto che può essere guidata dall’esterno tramite uno smartphone. Non è un videogioco ma uno dei prototipi delle tecnologie sviluppate dal team di Jaguar Land Rover dei suoi ricercatori per consentire, in futuro, la guida autonoma dei veicoli. Un veicolo sperimentale Range Rover Sport a Controllo Remoto dimostra come sia possibile guidare un veicolo dall’esterno, tramite uno smartphone. L’app dello smartphone comprende il controllo dello sterzo, dell’acceleratore e dei freni, oltre alla possibilità di cambiare gamma di velocità. Ciò permetterebbe al guidatore di camminare a fianco del veicolo, alla velocità massima di 4 km/h, per manovrare con sicurezza in condizioni difficili, o addirittura nel fuoristrada più impegnativo.

Si potrebbe usare lo smartphone per far uscire la vettura da un parcheggio a marcia indietro qualora un altro veicolo fosse così vicino da rendere impossibile l’apertura della portiera. Oppure in fuoristrada, su passaggi complicati, come l’attraversamento di un torrente o tratti a scarsa aderenza a causa di fango o neve. La funzione di controllo remoto è attiva solo se l’operatore si trova entro una distanza massima di 10 metri dal veicolo e se viene rilevata la presenza del telecomando. Se la distanza aumenta oltre il limite o anche se diminuisce troppo, il veicolo si ferma.

I futuri impieghi di questa tecnologia incrementeranno le funzionalità autonome, in situazioni nelle quali il pilota, tramite il dispositivo portatile, potrebbe semplicemente comandare il superamento di un ostacolo o l’uscita da un parcheggio, lasciando il resto al veicolo: “Queste ricerche non ci aiuteranno solo a realizzare un veicolo autonomo ma contribuiranno a rendere la guida più sicura e divertente - ha detto Wolfgang Epple, Director of Research and Technology di Jaguar Land Rover -. Gli stessi sensori che supportano le azioni di un veicolo autonomo assisteranno il pilota, aiutandolo a prevenire gli incidenti. Le tecnologie autonome non diminuiranno il piacere della guida”.

La vision di Jaguar Land Rover è quella di poter offrire un veicolo che possa essere, a scelta, autonomo o coinvolgente: “Poiché i nostri clienti guidano in qualsiasi condizione atmosferica o del terreno, ogni futura Jaguar o Land Rover deve essere capace su sentieri dissestati o strade bianche, come sulle arterie cittadine” ha aggiunto Epple. Per questo i ricercatori lavorano anche a ‘Solo Car’, un avanzato programma di ricerca per incrementare le capacità sensoriali di questi veicoli. Tale progetto è teso a sviluppare una gamma di avanzati sensori che rendono possibile l’autonomia del veicolo in tutta una serie di situazioni ed ambienti di guida.