Nel Campionato Italiano Rally, il Rally di Sardegna segnerà l’esordio su terra per la Peugeot 208 T16 di Paolo Andreucci e Anna Andreussi. L’equipaggio ufficiale di Peugeot Italia, dopo aver dominato la recente Targa Florio, è pronto a dare battaglia sugli impegnativi sterrati sardi. Uno scenario in cui la casa del Leone dal 2009 scrive ininterrottamente il proprio nome sull’albo d’oro soprattutto grazie al pilota toscano, il recordman assoluto della gara che a partire dal 2001 ha già vinto sette volte (quattro con Peugeot), di cui le ultime tre consecutive.

“Questa è la prima gara su terra del Tricolore e per noi sarà il debutto su questo fondo con la 208 T16 – ha detto Andrecci -. Abbiamo svolto un test la settimana scorsa e sono fiducioso, è un fondo sul quale mi trovo a mio agio. Come nel 2013 correremo sulle stesse speciali del Mondiale rally sarà un’ottima occasione per confrontarci con i piloti del WRC. L’anno passato abbiamo fatto una gara spettacolare, sicuramente la migliore della stagione. Ho vinto questo rally sette volte e per me sarebbe una grande soddisfazione poter portare la 208 T16 sul gradino più alto del podio come successo al Targa Florio“. Anna pensa a non sottovalutare il caldo che metterà a dura prova i concorrenti: “Quest’anno l’edizione del Rally di Sardegna prevede una prova da 59 km. Sarà durissima, sia per l’affidabilità delle macchine sia per noi piloti che guideremo per circa 50 minuti a temperature proibitive con oltre 45° in abitacolo“.

Al via ci sarà anche il Peugeot Rally Junior Team con i giovani Stefano Albertini e Silvia Mazzetti che saranno a bordo della plurivincente Peugeot 207 S2000. Per loro l’occasione di fare esperienza sulla terra e di mettersi in evidenza nella classifica assoluta: “Sarà una gara molto spettacolare - ha detto Albertini -. Sicuramente affronteremo delle prove impegnative rese ancor più insidiose dal passaggio prima di noi delle WRC. Passando solo una volta sulle prove speciali sarà importante fare un buon lavoro durante le ricognizioni per riuscire a partire con un buon ritmo”. Grande l’emozione per la sua navigatrice: “Per me sarà la prima volta sulla 207 super 2000, tra tanti sogni questo è un altro che si realizza – ha ammesso Silvia -. Fino ad oggi su questo fondo ho gareggiato sempre con le 2 ruote motrici, questa volta sono sicura che sarà ancor più divertente”. 

LEGGI ANCHE

Rally Sardegna 2014: tutte le info sulla manifestazione

Rally Targa Florio 2014: doppietta Peugeot

Rally Sardegna 2014: Peugeot racconta il fascino dei rally

Campionato Italiano Rally 2014: il calendario completo