Dopo la pausa estiva, inizia la fase conclusiva del Tricolore rally del 2014 con il Rally del Friuli Venezia Giulia (29-30 agosto). Una nuova sfida per Peugeot Italia e i suoi piloti Paolo Andreucci (208 T16) e Stefano Albertini (208 R2), entrambi a caccia della vittoria per rimanere competitivi nei rispettivi campionati: ”Il Friuli di quest’anno acquista una valenza ancor maggiore per l’importanza che il risultato avrà nell’ assegnazione del titolo - ha spiegato il sette volte campione italiano -. È sempre stata e sarà una gara ostica e difficile sia per i cambi improvvisi del meteo, che negli anni passati hanno stravolto classifiche e regalato colpi di scena, si per le strade tortuose, insidiose e tecniche che dovremo affrontare con particolare concentrazione con cambi di ritmo che richiedono una guida precisa e attenta. Cercheremo di portare a casa il risultato. La nostra 208 T16 su asfalto è cresciuta molto: dovremo lavorare bene sul set up per essere incisivi sin dal primo chilometro di speciale. Abbiamo un’ottima fornitura di pneumatici Pirelli per asfalti con grip e quindi siamo ottimisti”. 

Un appuntamento speciale soprattutto per la navigatrice e compagna Anna Andreussi: E’ la mia gara di casa. Mi porta sempre una grande emozione leggere le note qui, come se fosse la prima volta. Di fronte ad amici e tifosi. In più abbiamo la pressione del Tricolore, tre gare alla fine e la necessità di ottenere il massimo senza compiere errori…Dobbiamo recuperare punti preziosi per lottare per la vittoria finale”. 

Per il Leone è un’occasione importante per incrementare il vantaggio nella classifica Costruttori in cui c’è bisogno del contributo di Albertini, terzo nel CIR Junior preceduto da Scattolon e Panzani, ma il pilota del Peugeot Rally Junior Team è l’unico ad aver collezionato uno sfortunato “zero” a Sanremo che suggerisce un finale emozionante: Il Rally del Friuli è una gara che amo particolarmente – ha spiegato Albertini -. Le prove speciali sono molto tecniche e guidate, con un asfalto che alterna tratti scivolosi a tratti dove c’è molto grip. Per noi sarà una gara molto importante, da affrontare con grande concentrazione e determinazione. L’ esperienza della squadra e di Pirelli sarà fondamentale per quando riguarda l’assetto della macchina e la scelta delle gomme”. 

Determinata anche la copilota Silvia Mazzetti“Per rimanere in gioco per il Tricolore Junior sarà fondamentale conquistare un buon risultato e non fare passi falsi. Il Rally del Friuli è una gara molto difficile che abbiamo la fortuna di conoscere. Dopo l’esperienza con la 207 Super2000 e la terra, sarà un piacere tornare sull’asfalto, fondo a noi più familiare e sul quale sappiamo di poter attaccare a fondo“. 

LEGGI ANCHE

Peugeot 208 T16 test drive: l’indomabile Leone di Andreucci

Peugeot 208 R2 test drive: Leonardo.it prova l’auto di Albertini

Direttore per un giorno: Paolo Andreucci 

Andreucci, il campione di rally si racconta

Andreucci-Andreussi coppia vincente, l’intervista di Leonardo.it

Targa Florio: Andreucci vince ancora

Peugeot alla Dakar: il Leone tornerà a ruggire dopo 25 anni

CIR: la stagione più interessante della storia