Successo per Umberto Scandola e Guido D’Amore al Rally dell’Adriatico. Nel settimo e penultimo appuntamento del Campionato italiano Rally, l’equipaggio della Skoda Fabia S2000 precede tre Ford Fiesta: la seconda piazza è del sammarinese Denis Colombinini, secondo a sorpresa con la ST R5 a 30”5 dal pilota veronese. Terzo gradino del podio per l’auto alimentato a GPL della BRC Gas Equipment e guidata dal trevigiano Basso che chiude a un minuto dal vincitore e davanti alla Fiesta del catalano Xavier Pons.

Quinto assoluto ma soprattutto vincitore del Trofeo Rally Terra 2014 è il trentino Renato Travaglia, con la Peugeot 207 S2000 davanti al bresciano Luigi Ricci, Ford Fiesta R5, altro concorrente iscritto al Trofeo Rally Terra. Buone le prove di Tempestini, su Ford Fiesta R5 Costenaro, Peugeot 207 S2000, Taddei, Mitsubishi Lancer Evo IX e Pablo Biolghini, Skoda Fabia S2000, altro protagonista della serie su terra, che completano la top ten del rally marchigiano.

Un’uscita di strada sulla sesta speciale delle nove in programma e successivi problemi alla trasmissione per la Peugeot 208 R5 T16 hanno allontanato Paolo Andreucci ed Anna Andreussi dalle posizioni di vertice. Peugeot può sorridere per la conquista del titolo tricolore Costruttori mentre rimangono aperti i giochi in ottica campionato piloti: Scandola, Basso e Andreucci rimandano il verdetto finale al Rally Due Valli, a Verona.

Giochi già fatti, invece, nel Campionato Italiano Junior: Giacomo Scattolon, su Peugeot 208 R2, è aritmeticamente il vincitore del titolo tricolore grazie al secondo posto nelle Marche dietro a Fabio Andolfi con un’altra 208 R2 privata. Entrambi sono tra i selezionati dell’ACI Team Italia. Sfortunato Stefano Albertini, l’altro combattente per il titolo, costretti al ritiro per problemi alla sua Peugeot 208 R2 già dalla sera di sabato e dopo l’assistenza fuori tempo massimo.

CLASSIFICA ASSOLUTA FINALE – 21° Rally Adriatico:
1. Scandola-D’Amore (Skoda Fabia S2000) in 1’23:44.8; 2. Colombini- Furlan (Ford Fiesta St) a 30.5; 3. Basso-Dotta (Ford Fiesta R5 Ldi) a 57.1; 4. Pons-Amigo ( Ford Fiesta R5) a 1’09.3 ; 5. Travaglia-Ciucci (Peugeot 207 S2000)a 1’20.3 ; 6. Ricci-Pfister (Ford Fiesta R5)a 2’12.2; 7. Tempestini-Pulpea(Ford Fiesta R5)a 3’25.3; 8. Costenaro-Bardini(Peugeot 207 S2000) a 3’54.2; 9. Taddei-Gaspari(Mitsubishi Lancer Evo IX)a 3’55.2; 10. Bioghini-Morina(Skoda Fabia S2000)a 5’33.2

CLASSIFICA ASSOLUTA CIR CONDUTTORI: 1.Scandola 82 pt ; 2.Basso 76; 3. Andreucci 75; 4. Nucita 35; 5.Albertini 27; 6. Andolfi 31.

CLASSIFICA ASSOLUTA CIR COSTRUTTORI: 1.Peugeot 128 pt; 2.Ford 90; 3.Skoda 82.; 4. Renault 63;5.Citroen 16.

CLASSIFICA ASSOLUTA CIR JUNIOR: 1.Scattolon 62 pt; 2.Panzani 48; 3. Albertini 42; ;4.Carella 18.

Foto Twitter @SKODAScandola

LEGGI ANCHE

Rally del Friuli 2014: dominio Andreucci e doppio successo Peugeot

Peugeot 208 T16 test drive: l’indomabile Leone di Andreucci

Peugeot 208 R2 test drive: Leonardo.it prova l’auto di Albertini

Direttore per un giorno: Paolo Andreucci 

Andreucci-Andreussi coppia vincente, l’intervista di Leonardo.it

Peugeot alla Dakar: il Leone tornerà a ruggire dopo 25 anni