Per l’ottava volta nella sua storia Peugeot  vince il titolo Costruttori del Campionato Italiano Rally. Al Rally dell’Adriatico, cinque anni fa, era iniziata la favola tra Paolo Andreucci e il Leone. Nel 2009, il pilota di Garfagnana, in coppia con Anna Andreussi, coglieva la sua prima vittoria con la casa francese. Il preludio al primo di una lunga serie di campionati nazionali. Domenica sera, sugli sterrati marchigiani, si è assegnato con una gara d’anticipo il primo titolo della stagione, l’ennesimo riconoscimento per la scuderia francese.

Peugeot Italia, con la preziosissima collaborazione del team Racing Lions, di Pirelli e di tutti gli sponsor, è riuscito nell’impresa nonostante un’annata delicata per via dell’esordio della nuova 208 T16. Le tre vittorie e i tre terzi posti di Andreucci, sommati ai punti realizzati dal Peugeot Rally Junior Team e dai piloti privati a bordo delle numerose Peugeot in corsa, hanno regalato l’ennesimo titolo costruttori. Resta solo un po’ di amaro in bocca ai due equipaggi ufficiali Peugeot per come si sono messe le cose durante le prove della domenica. Il sabato la 208 T16 di Andreucci-Andreussi era stata velocissima nelle speciali notturne ed era saldamente al comando con un vantaggio di 16 secondi dopo aver vinto 4 delle 5 prove speciali.

Durante la PS6 sono arrivati un’uscita di strada ha provocato problemi al cambio che si sono aggravati via via percorrendo tutti i chilometri delle restanti prove e dei lunghi trasferimenti: “Sono felicissimo per aver contribuito ad ottenere l’ottavo Titolo Costruttori di Peugeot – ha dichiarato Andreucci -. Dall’altro lato sono dispiaciuto per quel piccolo errore che ha condizionato la mia gara. Con la Pirelli avevamo scelto i giusti pneumatici e la 208 T16 andava benissimo. Eravamo in testa e ci saremmo restati”. 

Un plauso va sicuramente al Team Racing Lions di Peugeot che è riuscito a sostituire il cambio nei 30 minuti previsti di assistenza prima delle ultime tre prove speciali, permettendo alla 208 T16 di recuperare parte del grosso ritardo accumulato e ottenere così il terzo posto assoluto: “Voglio innanzitutto ringraziare i ragazzi del Team Racing Lions per aver sostituito il cambio in tempo record. E’ grazie a loro che abbiamo ottenuto questo terzo posto. Ora ci giochiamo tutto il Campionato nell’ultima gara. Sicuramente è molto bello per lo spettacolo. Erano anni che non si vedeva un campionato così combattuto”. Gli fa eco Anna: “Il primo obiettivo è stato centrato! Siamo i vincitori del Campionato Italiano Costruttori. Ora sarà una dura lotta per vincere anche quello Conduttori. Lotteremo fino alla fine”. 

Una domenica in chiaroscuro anche per la coppia Albertini-Mazzetti. Un problema elettronico ha infatti costretto la 208 R2 al ritiro alla fine della prova speciale 6: “E’ il classico bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto – ha detto Albertini -. Abbiamo vinto il Campionato Costruttori ma a causa di questo ritiro abbiamo perso il Campionato Italiano Junior. Peccato non poterci giocare tutte le nostre carte nella gara finale. Complimenti ai vincitori”. Ma anche grazie ai punti del Peugeot Rally Junior Team, il titolo è arrivato in anticipo: “Sarebbe stato un sogno vincere anche il Campionato Italiano Junior ma siamo felicissimi per aver contribuito nella vittoria del Campionato Italiano Costruttori”. 

LEGGI ANCHE

Rally del Friuli 2014: dominio Andreucci e doppio successo Peugeot

Peugeot 208 T16 test drive: l’indomabile Leone di Andreucci

Peugeot 208 R2 test drive: Leonardo.it prova l’auto di Albertini

Direttore per un giorno: Paolo Andreucci 

Andreucci-Andreussi coppia vincente, l’intervista di Leonardo.it

Peugeot alla Dakar: il Leone tornerà a ruggire dopo 25 anni