Il gran premio australiano è stato soltanto l’inizio di una lunga battaglia che vedrà protagonisti i soliti noti ma anche qualche outsider nonostante le stime dei bookmaker non siano sulla stessa linea d’onda. 

Se la macchina va, risponde bene agli stimoli e si dimostra competitiva anche con i favoriti, è naturale credere in una vittoria, è normale volersi aggiudicare il podio. A dirlo è Raikkonen con queste parole:

La monoposto ha un alto potenziale, se ci qualifichiamo bene possiamo lottare per il podio. Il meglio deve ancora venire. Purtroppo a Melbourne sono stato bloccato nel traffico e non ho potuto sfruttare appieno la vettura. Speriamo che le cose in Malesia vadano meglio.

In effetti i suoi tempi non sono stati molto diversi da quelli dei migliori, l’abbiamo detto, in un secondo di distacco ci sono un sacco di squadre a giocarsi la vittoria.

Alla Lotus, stavolta non è andata proprio bene, visto che anche Grosjean, in fondo è uscito di gara troppo presto dopo delle ottime qualificazioni. Purtroppo fare pronostici su Sepang è complicato perché il meteo è sempre un’incognita. La Lotus sul bagnato va bene ma la nuova vettura non possiamo saperlo.

Possiamo soltanto valutare che com’è andata bene a Barcellona, così potrebbe replicarsi a Sepang, dove il tracciato è molto simile.