Kimi Raikkonen ha tirato fuori gli artigli nei primi appuntamenti del campionato. Benché abbia una vettura non proprio competitiva con le squadre più importanti, può far valere la sua esperienza pregressa nel Circus. Ecco cosa pensa del prossimo appuntamento in Bahrain. Iceman vuole assolutamente salire sul podio del Bahrain. La sua macchina non è certo la più veloce del campionato ma sui tracciati come quello del Golfo Persico, molto sarà fatto dallo stile di guida e dalle condizioni meteo, tra sabbia e usura degli pneumatici.

In Cina Raikkonen ci ha creduto. A pochi giri dalla conclusione era anche secondo, ma poi ha sbagliato traiettoria, ha raccolto sporco e marbles e la sua vettura si è praticamente fermata. Chi lo inseguiva, ha saputo cogliere l’occasione al volo.

La Lotus E20 ha tutte le caratteristiche per portare Raikkonen sul podio. A Shanghai è stata sbagliata leggermente la strategia di gara, la stessa che fino ad un certo punto ha consentito all’ex campione del mondo di essere secondo in pista. La valutazione resta complessa. Per il futuro invece…

Raikkonen sa che in Bahrain ci sono più occasioni di sorpasso, che nelle condizioni meteo che ci sono lì, la E20 rende parecchio. In più nella sua carriera, sul tracciato di Sakhir ha ottenuto un secondo e due terzi posti. Potrebbe quindi replicare almeno i successi passati.