Meno male che stavolta a ritirarsi sono stati i migliori, è il caso di dirlo, soprattutto se si analizza da vicino la performance di Raikkonen che è riuscito a portare comunque a livelli grandiosi la sua Lotus. Ecco la dichiarazione post gara di Iceman. Kimi Raikkonen, alla fine dei conti, ha rimediato un ottimo quinto posto che – considerati i ritiri dei vari Vettel e Webber – è provvidenziale per la classifica piloti e costruttori. La Lotus, un po’ come la Sauber, sta confermando dei livelli di progresso tecnico considerevoli.

Peccato però che in fase di qualifica Raikkonen non sia andato oltre l’ottavo posto in griglia, comunque meglio di Alonso. Sotto la bandiera a scacchi è quinto dietro Massa, ma se non ci fossero state le difficoltà della Mercedes e i ritiri dei Red Bull, la gara sarebbe andata di sicuro diversamente.

Fatto sta che adesso, in classifica mondiale, Raikkonen è terzo, davanti alle Red Bull, lanciato all’inseguimento di Alonso. Kimi ci crede, ci ha sempre creduto:

Sono contento di essere in terza posizione nella classifica piloti, ma abbiamo perso punti rispetto ad Alonso e non è una gran cosa. E’ stato un weekend difficile, non eravamo veloci nei rettilinei ed era difficile sia tenere gli altri dietro che tentare i sorpassi, anche con il DRS. Abbiamo scelto la strategia ad una sosta e le gomme erano apposto. Abbiamo cominciato la corsa pensando di ottenere una settima o una sesta posizione, quindi la quinta piazza era davvero il meglio che potevamo fare questo weekend.