Il ritorno di Raikkonen in Formula 1 non può passare inosservato soprattutto nella fase di test dove il confronto con le altre scuderia sfiora livelli di spionaggio. Il finlandese, poi, ci tiene a fare meglio almeno della Ferrari e a Barcellona ci riesce.

Se il primo obiettivo di Raikkonen era sfilare sul traguardo di Montmelò prima della nuova Ferrari, allora il pilota finlandese può dirsi sicuramente soddisfatto dei risultati.

Nell’ultimo giorno di test, infatti, ha saputo farsi valere precedendo di un soffio, 220 millesimi di secondo, la Ferrari guidata da Alonso. E’ stato messo in fila anche Bruno Senna, astro nascente della Formula 1. Più indietro anche Hamilton con la McLaren e Michael Schumacher con la Mercedes.

Quindi Lotus in grande spolvero sul Circuit de Catalunya. Il campione del mondo del 2007 ha saputo imporsi girando soltanto 65 giri e consumando ben 4 set di gomme: 3 Pirelli soft e 1 treno di mescola hard.

Alonso, secondo sul podio spagnolo, ha provato diversi assetti della Ferrari e diversi treni di pneumatici ma la resa, a detta anche del direttore tecnico, è ancora deludente. Non è tanto demerito dei piloti, quanto piuttosto del lavoro sugli scarichi che ha fatto fare un passo indietro agli ingegneri.

Il terzo tempo se l’è aggiudicato la Williams nella mattinata grazie alla guida di Bruno Senna. Nel pomeriggio, con Maldonado al volante, la squadra non è andata oltre il nono posto.