Non si correrà la Race of Champions 2013. La spettacolare esibizione, prevista allo stadio Rajamangala di Bangkok per il 14 e 15 dicembre, è stata annullata a causa della crisi politica in Thailandia. La grande classica di fine anno ospita diversi campioni dell’automobilismo e del motociclismo che si sfidano in gare ad inseguimento. Lo scorso anno nella capitale thailandese vinse Roman Grosjean.

Il clima nel Paese di estremo oriente desta preoccupazione: nei giorni scorsi quattro persone hanno perso la vista a causa dei disordini politici: i manifestanti sono scesi in migliaia per le strade e vogliono le dimissioni del governo. La situazione è apparsa grava anche per le autorità sportive locali che hanno chiesto agli organizzatori di non correre rischi e di provare a cercare un’altra data. Avevano già confermato la propria presenza Michael Schumacher, Tom Kristensen, il campione del mondo rally Sebastien Ogier e l’ex leggenda delle due ruote Michael Doohan.

Questo il comunicato rilasciato dagli organizzatori: “L’Autorità per lo Sport della Tailandia e l’organizzatore della Race of Champions 2013 hanno annunciato che la manifestazione non potrà avere luogo il 14 e 15 dicembre come programmato a causa dell’attuale situazione politica a Bangkok. I nostri pensieri sono con la popolazione tailandese in questo difficile periodo e ci auguriamo che una soluzione pacifica venga trovata presto. La Race of Champions è stata ospitata in tutto il mondo per 25 anni consecutivi e al momento stiamo cercando un’alternativa per ripetere il successo dell’ultima edizione a Bangkok in un’altra data”.