La ricerca dell’estremo non conosce limiti, e se alcuni marchi ottengono le prestazioni attraverso motori dalla cilindrata elevata, sovralimentati all’ennesima potenza, o ibridi. Alcuni costruttori puntano sulla leggerezza unita ad una cavalleria importante.

E’ il caso della Atom, capace di dispensare scariche d’adrenalina piuttosto robuste grazie al suo V8 ed al suo corpo vettura minimalista, o della Radical, che propone delle vetture da corsa omologate per la circolazione stradale.

Adesso però, questi nomi sono affiancati da un costruttore australiano che propone una biposto alto contenuto adrenalinico, la Quantum GP700, dove la sigla identifica anche la potenza del modello in questione. Un’auto decisamente fuori dal comune, per dei viaggi a dir poco emozionanti.

Estremamente leggera, pesa appena 700 kg, la 2 posti australiana, sfoggia un motore 2.7 biturbo capace di erogare ben 710 CV e 653 Nm che, unito alla massa contenuta, promette prestazioni mozzafiato. Infatti, l’accelerazione da 0 a 100 km/h viene coperta in appena 2,3 secondi.

Ma non è tutto,  l’accelerazione laterale arriva a ben 1,9 G, mentre il carico verticale massimo è di 1 G. Insomma, numeri che sottolineano prestazioni da brivido, degne di un’auto da corsa. E come tale va guidata, visto che non esiste il parabrezza.

Piccola, leggera, e decisamente estrema, la Quantum GP700 consente di sfidare le hypercar più veloci del pianeta ad un costo nettamente inferiore, anche se decisamente impegnativo, visto che si parla di un listino di circa 640.000 euro.

Dunque le varie Bugatti, Ferrari e Porsche, tanto per citarne alcune, potrebbero trovarsi in difficoltà a tenere il passo di questa australiana tutto pepe, capace di accelerazioni da monoposto e forte di un’agilità fuori dal comune.

Certo, come la Atom, l’assenza di parabrezza, la struttura estremamente rigida e leggera e la guida che si annuncia impegnativa, ne riducono la praticità nella vita di tutti i giorni, ma per chi ricerca le prestazioni assolute non sarà un problema accettare qualche compromesso.