C’era molta attesa alla vigilia delle prove libere in Canada perché il primo appuntamento nordamericano della Formula 1 avrebbe potuto riservare delle sorprese, con un Alonso scatenato, pronto ad allungare sugli avversari e il resto dei team “all’inseguimento”. 

Per prima cosa oggi vogliamo capire cos’è successo alla Williams di Maldonado e Senna che hanno portato a casa un bel po’ di punti ed anche un gran premio. Eppure il week-end di Montréal è iniziato con un po’ di difficoltà.

Nelle prove Maldonado è a soli 7 decimi di distanza da Hamilton che è leader delle prove del GP canadese, eppure non va oltre la tredicesima posizione. Un particolare che lascia al pilota venezuelano l’amaro in bocca.

Maldonado spiega di aver avuto una giornata produttiva con diversi test che hanno consentito di regolare al meglio la vettura, di bilanciarla a dovere, ma poi non sono riusciti a finalizzare. Più in difficoltà di Maldonado c’è Senna.

Il brasiliano, infatti, ha avuto un bel po’ di problemi con il DRS che nella gara canadese è a dir poco fondamentale. E così è finito su quello che si chiama ” Muro dei Campioni”. La sua monoposto è stata praticamente distrutta ma il danno maggiore è stato l’aver buttato alle ortiche tutto il lavoro di assestamento. Già prima dell’appuntamento monegasco la Williams aveva perso le sue vetture.