La terza edizione del Qatar Motor Show si è conclusa con una notevole affluenza di pubblico: quasi 150mila persone hanno visitato il salone allestito nella capitale Doha. Tra gli organizzatori figurava la Gl Events Italia, società organizzatrice del Motor Show di Bologna. Sono aumentate anche le anteprime proposte dalle varie case automobilistiche: ben 26.

Sebbene fosse in Medio Oriente, questa manifestazione aveva molto di italiano. Tra i pezzi forti va sicuramente ricordato l’omaggio a Bertone, la storica carrozzeria che fu a Grugliasco (nella foto: la Pickster); una retrospettiva dei concept più intriganti creati da un’azienda che rappresenta a pieno titolo lo stile del Made in Italy.

Proseguiamo la carrellata tra i bolidi in fibra di carbonio. Sempre italiana, ma con forte accento tedesco (sebbene mantenga una cadenza bolognese) è la Lamborghini Aventador LP 700-4 Roadster, una scoperta da 350 Km/h. Ma è ancora poco, al confronto della Bugatti Veyron Grand Sport Vitesse: bicolore biancoceleste (come un modello da corsa del 1928), racchiude sotto il cofano 1.200 cavalli, più delle Formula 1 turbo degli anni ’80.

Da un punto di vista monetario, il record spetta alla Lykan Hypersport di W Motors, venduta per circa 3,5 milioni di dollari. Molta attenzione anche per la Brabus Widestar 800, elaborata da una base Mercedes G65 Amg 2013.