Molte aziende automobilistiche sono alla ricerca di tecnologie in grado di rendere le vetture sempre più ecologiche. L’attenzione verso l’impatto ambientale delle macchine e delle moto è crescente nelle popolazione ma il costo dei prodotti eco è ancora troppo elevato.Sembra una questione economica, quella frena gli acquirenti di macchine e scooter elettrici eppure il futuro della mobilità risiede nelle energie alternative e in particolare nell’energia elettrica. Lo sanno bene due aziende spagnole che nel giro di due anni vogliono rivoluzionare il mercato energetico e quello automobilistico.

Si tratta della Tecnalia e del Gruppo Campezo che stanno lavorando al progetto Pavener. In pratica è allo studio la realizzazione di una pavimentazione stradale in grado di accumulare il calore durante il giorno per restituirlo sotto forma di energia nei diversi periodi della giornata e non solo.

L’intuizione è questa: il surriscaldamento dell’asfalto d’estate dimostra che il calore assorbito dal manto stradale è fondamentalmente inutilizzato e quindi sprecato. Trovare un sistema efficace di conversione del calore in energia, vorrebbe dire arginare molti problemi legati alla mobilità.

Per esempio, se il calore dell’asfalto diventasse energia elettrica, questa potrebbe essere accumulata nei distributori per auto e moto ecologiche. Con la conseguente diffusione di questi dispositivi che sarebbero commercializzati a prezzi più abbordabili.