I prezzi dei carburanti continuano a scendere con i mercati internazionali dei prodotti di nuovo in calo. Dopo il taglio di 15 millesimi dei prezzi consigliati di benzina e diesel deciso venerdì da Eni, Staffetta Quotidiana ha rilevato altri ribassi nella giornata di sabato con tagli compresi tra i 10 ed i 25 millesimi al litro. Merito delle quotazioni internazionali di benzina (406 euro) e gasolio (452 euro), scese rispettivamente di altri 6 e 8 euro per mille litri. Esso ha deciso un ribasso di 1 cent sulla benzina, IP di 1,5 sulla benzina e di 1 sul diesel e TotalErg di 1,5 cent sulla verde e di 1 sul diesel.

Ribassi decisi soprattutto per il GPL

Le medie ponderate in modalità servito sono scese a 1,699 euro al litro per la verde (11 millesimi in meno) ed a 1,621 per il diesel (9 in meno). Ribassi ancor più marcati per propano e butano, scesi rispettivamente a 440 dollari (105 in meno) e a 515 (-20) contribuendo a al significativo calo del prezzo del GPL (Eni scende a quota 0,686, ai minimi dal novembre 2010), i cui listini rimarranno bassi per tutto il mese di dicembre dato che la compagnia algerina Sonatrach ha fissato i prezzi. In controtendenza il metano risalito di un millesimo a 0,991 euro al chilogrammo.

Un calo inferiore rispetto al dovuto

Le riduzioni però non sarebbero state praticate nella giusta misura. Uno studio del dipartimento del centro studi Nomisma afferma che il prezzo medio della benzina avrebbe dovuto scendere di 4,2 centesimi al litro in più di quanto effettivamente calato. Analogamente, quello, quello del gasolio sarebbe dovuto calare di 2,6 centesimi/litro. Tra i motivi della mancata diminuzione, oltre all’annosa questione accise, anche il numero e la struttura delle stazioni di servizio nonchè la regolamentazione della distribuzione dei carburanti in Italia. Ad esempio la clausola di esclusiva di rifornimento che la maggioranza dei distributori è obbligata a rispettare con la rispettiva compagnia petrolifera. Una clausola che non hanno i distributori “bianchi” che possono quindi applicare più bassi.

Qui il rapporto completo di Nomisma.

LEGGI ANCHE

Prezzo benzina: nuovi minimi dopo l’Opec

Crollano i consumi di carburante

Caro carburanti 2014: scatta l’aumento dell’accisa

Prezzi benzina gennaio 2014: lento ma progressivo calo

Prezzi benzina: il bollettino di giugno