I dipendenti Ferrari si troveranno 5000 euro in più in busta paga a fine anno. Sergio Marchionne lo ha comunicato mercoledì sera, durante la riunione natalizia di auguri a Maranello con operai e ingegneri. Un regalo inatteso che non faceva parte di nessun premio di produzione negoziato coi sindacati ma che va inteso come un riconoscimento e un apprezzamento del lavoro svolto nel progettare macchine uniche, vendute e amate in tutto il mondo

Il 2015 è stato un anno particolarmente importante per la Ferrari. La quotazione sui mercati e la ripresa in Formula 1 ha portato tre vittorie grazie a Sebastian Vettel e a diversi podi. Marchionne si è detto fiducioso sul 2016: “Nel corso della stagione c’è stato un grandissimo recupero della squadra, abbiamo visto dei risultati eccezionali. La macchina dell’anno prossimo ormai è in sviluppo da quasi un anno sono veramente contento del lavoro che è stato fatto, sono fiero della scuderia e vedremo una grandissima stagione l’anno prossimo”.

L’idea del bonus in busta paga era stata di Montezemolo e difficilmente si pensava che Marchionne, con la sua metodologia molto pragmatica e americana, avrebbe mantenuto la tradizione. Invece a sorpresa è arrivato il regalo dell’ad di FCA nell’anno dello sbarco in Borsa. Il 21 ottobre è stato infatti il giorno dell’esordio a Wall Street con il valore del Cavallino fissato a 10 miliardi di dollari. Il 4 gennaio 2016 inizia, invece, l’avventura a Piazza Affari.