A Le Mans a capitalizzare l’attenzione è stato sicuramente Casey Stoner, perché non ha conquistato la pole, finita nelle mani del suo compagno di squadra Pedrosa e perché ha dichiarato poco prima del motogp di voler abbandonare il motociclismo alla fine della stagione. Che ne pensano gli altri. 

Sul circuito di Le Mans era presente Michael Schumacher che quest’anno ha provato a correre sulla Ducati. Un piloto del Circus che vuole cambiare disciplina? Probabilmente no, visto che al massimo succede il contrario, guardate Rossi che corre a bordo di una Ferrari.

Schumacher appare comunque una voce autorevole se si parla di ritiri, anche lui è stato lontano dalle piste per poi rientrare dalla finestra. Secondo il sette volte campione del mondo, se Stoner non ha la testa per restare nel MotoGp, è giusto che lasci: il lavoro che svolge è molto complesso e richiede una concentrazione estrema. Si tratta di una scelta molto personale.

A fronte di un’opinione “possibilista” come quella del pilota della Mercedes, si trova anche l’altra faccia della medaglia, rappresentata da quel gruppo di persone che considerano Stoner immaturo, incapace di governare come uomo le emozioni del MotoGP.

Tutti osservano come il pilota australiano non si sia mai divertito a guidare una moto, nemmeno quando per lui sono arrivati i successi. Aveva già paventato il ritiro prima di passare alla Honda. Che sia tutta una strategia?