La principale via d’accesso per la Sicilia è il porto, uno dei più belli ed importanti d’Europa, fondamentale per turisti, merci e non solo. Un traffico continuo nella zona portuale sicula che ha pensato bene di utilizzare due veicoli elettrici per la mobilità interna al porto e supporto per le navi da crociera che ogni giorno salpano da Palermo.

I mezzi in questione sono un Renault Kangoo Z.E. (LEGGI ARTICOLO) 2 posti e un Renault Kangoo Maxi Combi Z.E. 5 posti, veicoli completamente elettrici a zero emissioni inquinanti, 100% ecologici e silenziosi, e quindi in piena armonia con l’ambiente. (LEGGI ARTICOLO SU ECO-SOSTENIBILITA’)
I veicoli sono equipaggiati di un motore elettrico da 44 kW, e di una batteria agli ioni di litio, che conferisce un’autonomia media di 170 km (in ciclo d’omologazione NEDC). I due Renault Kangoo Z.E. propongono elevati standard di confort, abitabilità e sicurezza, uniti ad una praticità e funzionalità che li rendono ideali per il trasporto sia di persone che di merci.

“La scelta del Porto di Palermo di introdurre dei veicoli elettrici Renault Kangoo Z.E. per la propria mobilità conferma la crescente sensibilità verso un nuovo modo d’intendere il trasporto e i servizi, nel pieno rispetto dell’ambiente. Il porto è la prima vetrina della città per i turisti che vi arrivano con le navi da crociera e Renault è felice di poter condividere con l’Autorità Portuale di Palermo il compito di trasmettere un’immagine di innovazione e di responsabilità” ha dichiarato Francesco Fontana Giusti, Direttore Comunicazione di Renault Italia.

Come detto i due nuovi veicoli verranno utilizzati all’interno della zona portuale. Questa è un’iniziativa che mira allo sviluppo di una mobilità sempre più rispettosa dell’ambiente e la zona portuale rappresenta solo una tappa del progresso che dovrà essere fatto per rispettare a pieno l’ambiente in cui viviamo.

LEGGI ANCHE:

Direttore marketing Renault Italia: si cambia, dall’1 giugno arriva Fabrice Crevola

Nuova Renault Twingo: parte dalla città eterna il tour alla scoperta dell’Europa

BlaBlaCar come funziona: la guida al leader europeo del ride sharing