Una Porsche a 30.000 euro? No, nè ora nè mai. L’arrivo della “baby boxster” continua ad essere smentito dai vertici della Casa tedesca. L’ultimo in ordine di tempo ad aver chiuso le porte di fronte a tale possibilità è stato Bernhard Maier, capo settore vendite e marketing di Porsche.

Il discorso è semplice: la qualità si paga e 30.000 non rispecchiano minimamente il valore del marchio. La entry level quindi rimane la Boxster normale, cui si affiancherà poi la Macan, la SUV compatta attesa per il 2014. Nonostante la “chiusura” ad un modello più economico e quindi più appetibile comunque Porsche rimane convinta di riuscire a raddoppiare le vendite per il 2018, arrivando a quota 200.000, così da aiutare Volkswagen a diventare la Casa numero 1 al mondo.