Dopo il successo numero 17 alla 24 Ore di Le Mans, la Porsche ha dimostrato al mondo di essere all’avanguardia per quanto riguarda i motori ibridi, per cui non stupiscono più di tanto i rumors relativi ad una variante del genere per l’immortale 911.

Infatti, a quanto si legge su Motoring.com, la mitica vettura teutonica sarebbe pronta per tale soluzione tecnica, come affermano due dirigenti della Casa di Zuffenhausen, per la precisione Frank-Stefan Walliser e Wolfgang Hatz, rispettivamente, il responsabile del reparto motorsport ed il responsabile di ricerca e sviluppo del Marchio con la Cavallina di Stoccarda.

L’abbinamento più indicato per una motorizzazione ibrida è quella di un motore aspirato con delle unità elettriche, questo perché il propulsore ad impatto zero consentirebbe di avere una maggiore accelerazione ai bassi regimi, mentre il cuore termico privo di turbo permetterebbe di mantenere il peso entro limiti ragionevoli.

Comunque, è chiaro che rispetto ad una 911 “convenzionale”, la variante ibrida pagherà inevitabilmente dazio sulla bilancia, ma l’aggravio di peso sarà compensato sicuramente con l’incremento di potenza garantito dal comparto elettrico.

Insomma, l’ibrido non solo consentirà di consumare meno ed emettere quantità inferiori di Co2, ma fornirà anche una maggiore dose di adrenalina in pista, per via delle accelerazioni che riesce a garantire. Comunque, questa soluzione non dovrebbe arrivare, il condizionale è d’obbligo, prima del 2018, quando è prevista la nuova 911, identificata dalla sigla di progetto 992.

Nell’attesa, durante il prossimo salone di Francoforte, nel mese di settembre, la Porsche presenterà il restyling della 911 attuale, la 991, che avrà motori dalla cilindrata ridotta ma sovralimentati, come impongono le ultime tendenze di mercato. Un passo avanti, prima della rivoluzione ibrida che segnerebbe un ulteriore passaggio epocale relativo alla sportiva con motore a sbalzo posteriore, passata con la serie 996 dal raffreddamento ad aria a quello a liquido.

Chissà come accoglieranno i puristi la 911 ibrida? Saranno inclini all’innovazione, magari vedendo i risultati offerti da questa soluzione nel motorsport, o scateneranno dibattiti come ai tempi della 996?