La notizia, è di quelle importanti, un’altra importante realtà italiana, ovvero la Pininfarina, potrebbe andare in mani straniere, precisamente in quelle della Mahindra che, secondo le indiscrezioni di Bloomberg starebbe trattando l’acquisto in forma riservata.

La società torinese, nata nel 1930, nonostante una storia che l’ha vista coinvolta nella realizzazione di diverse Ferrari, si trova in difficili condizioni finanziarie, tanto che, nella ristrutturazione del debito, risalente al 2008, il pacchetto di controllo del 76% di proprietà di Pincar srl è stato impegnato con le banche creditrici.

I contatti con il Costrutture indiano risalgono a diverso tempo fa, infatti, è noto che ci sia stata in più di un’occasione una sorta di collaborazione tra la Pininfarina e la Mahindra, come conferma il concept sportivo Halo che è stato esposto nel 2014 al Salone di New Delhi.

Inizialmente, le due aziende coinvolte si sarebbero trincerate dietro un laconico no comment. Così, le azioni della Pininfarina avrebbero subito un aumento del 26% nella giornata di ieri, per poi tornare in segno negativo, dopo la smentita di questa mattina ad opera della Mahindra.

Infatti, il gruppo indiano, sarebbe stato invitato dal controllo della borsa locale ha rilasciare un comunicato sulla situazione dell’eventuale acquisizione. Ebbene, a quanto pare l’azienda indiana avrebbe definito speculativa la fuga di notizie relativa alla trattativa, specificando inoltre, l’assenza di un accordo che necessiti di una comunicazione.

Inoltre, una nota specifica per l’Italia recita: “allo stato, pur in presenza di un interesse manifestato da Mahindra, uno dei più importanti clienti di Pininfarina, non esistono accordi vincolanti di qualsiasi natura tra le parti che prefigurino una operazione di acquisto di Pininfarina da parte della società indiana”.

Quindi, se l’acquisizione ci sarà, avverrà in seguito, quando le parti l’avranno pianificata a dovere. Così, non rimane che attendere, ricordando che l’azienda indiana ha acquisito nel 2011 la Ssangyong e recentemente il 51% di Peugeot Motocycles.