Ripartire da zero. Spesso lo si dice, ma quant’è vero: le guerre conducono solo a disastri, da cui risulta davvero difficile risorgere. In momenti del genere non bisogna lasciarsi abbattere dallo sconforto, ma piuttosto progettare un futuro migliore. Un futuro dove poter sorridere e ritrovare la sensazione di normalità, così tanto smarrita. Peugeot entra qui in scena con la Tipo 1535, il primo camion a 4 tonnellate.

RICOMINCIARE DA QUI

Il periodo risulta uno dei peggiori dal punto di vista storico. Ci troviamo infatti nella ricostruzione dopo la Prima Guerra Mondiale, evento che ha sconvolto pure il Vecchio Continente. Anziché alimentare ancora l’industria bellica, tocca reinventarsi in altri settori in modo da migliorare la vita quotidiana. Sforzi in campo lavorativo ne compie il mondo dell’automobile e Peugeot, pioniere all’avanguardia qual è, capisce l’importanza di produrre veicoli commerciali. Gamma dei grossi mezzi da trasporto rafforzata con il Tipo 1535, dotato di una meccanica robusta in grado di trasportare fino a 4 tonnellate.

DAL TRASPORTO MERCE AL TRASPORTO PASSEGGERI

Le caratteristiche tecniche in breve: motore 4 cilindri a benzina tipo KM (100×150 mm) a 3 supporti di banco, cilindrata 4.712 cc, potenza 38 CV a 1.400 giri, frizione a cono, cambio 4 marce con quarta velocità in presa diretta + retromarcia, trasmissione a cardano, ponte a vite 3×28, sterzo a vite senza fine, freni a tamburo da 450 mm sulle ruote posteriori, dimensioni telaio: passo 3.90 m, carreggiata ant. 1.65 m, carreggiata post. 1.41 m, lunghezza massima 6 m, larghezza massima 2 m, velocità massima 25 Km/h. Il Tipo 1535 riprende i successi del modello precedente, il Tipo 1525, ma con potenza incrementata. Tra il 1920 e il 1925 verranno realizzati 550 esemplari, allestiti sia come autocarri che come torpedone dedicato al trasporto passeggeri da 10 a 20 posti o veicoli aperti per turismo alpino da 23 a 27 posti.