Arriva la sesta doppietta per la Peugeot alla fine dell’undicesima tappa del Silk Way Rally, con Cyril Despres che, nel contempo, va ad aumentare il suo vantaggio al comando della classifica generale giungendo al secondo posto di giornata dietro il suo compagno di squadra Stéphane Peterhansel. Un ottimo risultato per le Peugeot DKR dopo 11 giorni di gara, l’ennesima prova di affidabilità delle vetture francesi, che hanno toccato una velocità di punta di 190 km/h.

I 7.442 km hanno fornito indicazioni importanti in vista della Dakar agli ingegneri del Leone, i quali comunque, come tutti gli equipaggi, non possono abbassare la guardia anche se rimangono 3 speciali prima della fine della corsa. C’è comunque rammarico per l’abbandono di Loeb avvenuto a seguito di un incidente nelle tappe precedenti.

Al momento Cyril Despres, che può contare su un’ora di vantaggio nella classifica generale provvisoria, ha dichiarato: “sono stato abbastanza prudente oggi. Come è accaduto due giorni fa, c’erano una serie di curve e molti incroci, ma nulla di troppo complicato né di insidioso o pericoloso. E’ stata una bella speciale, che abbiamo potuto percorrere rapidamente senza commettere errori di navigazione. Mi sento bene e finora tutto va come previsto. La Peugeot DKR è molto prestazionale, possiamo attaccare a fondo, abbiamo trovato il buon ritmo e il buon funzionamento, basta che continui così”.

Stéphane Peterhansel, invece, primo nella tappa di oggi e 6° in classifica generale, ha spiegato: “la speciale di oggi è andata bene nell’insieme, ma era comunque divisa in due parti ben distinte per noi. Alla partenza c’era molta polvere. Abbiamo dovuto superare molti concorrenti per avere un po’ di visibilità, nella seconda metà della speciale. Dopo è stato molto più facile. Gli ultimi cinquanta chilometri sono stati davvero divertenti: larghe piste di terra con piccoli terrapieni a entrambi i lati. Siamo riusciti a fare scivolare la nostra Peugeot e a divertirci. Il lavoro di domani è soprattutto strategico. Cyril partirà solo due minuti dopo di noi, non dovremo aspettare molto per guidare insieme. Rimaniamo in gruppo, è la cosa migliore da fare per assicurarci che rimanga al comando della classifica generale”.