Durante il nubifragio e la grandinata che si sono abbattuti su Milano (CLICCA QUI PER LE FOTO), lo Spazio Emporio di Via Tortona ha fatto da splendida cornice  alla presentazione di Peugeot Italia del programma Motorsport 2014. Una stagione ricca di novità in cui è confermatissima la presenza nel Tricolore rally con la Peugeot 208 T16 della Racing Lions, affidata a Paolo Andreucci e Anna Andreussi. La coppia d’oro (anche nella vita) del rally italiano ha conquistato nel 2013 insieme ai piloti privati la vittoria del settimo titolo costruttori per Peugeot.

Quest’anno saranno in gara con la 208T16, l’ultima nata nella factory della casa francese con l’obiettivo di sviluppare al meglio la vettura e concorrere al titolo assoluto, l’anno scorso vinto da Alberto Scandola con la Skoda. Il suo punto di forza è l’equilibrio: “La scocca dell’auto con le quattro ruote motrici che ha la T16 è ancora migliore - ha detto Andreucci - Il posteriore è molto sincero e fermo mentre l’anteriore è migliorato rispetto alla 207 S2000 e trasmette molta sensibilità e precisione allo sterzo. Poi il passaggio dal 2000 aspirato al 1600 turbo ti aiuta molto nelle guida grazie a una coppia molto più sfruttabile visto che si riesce a tenere più spesso la stessa marcia”.

Per la prima volta dal 2006, Peugeot Sport Italia schiera due auto alla partenza del campionato, affiancando alla 208 T16 anche una 208 R2 che parteciperà al Campionato Italiano Rally Junior, serie riservata ai piloti Under 28, in sette appuntamenti del CIR (saltando solo la tappa in Sardegna in concomitanza del WRC). L’equipaggio sarà composto da Stefano Albertini e Silvia Mazzetti: “Peugeot Italia ha deciso di scendere in campo in prima persona nella formazione dei nostri giovani piloti più promettenti, istituendo una sorta di filiera che accresca non solo la loro esperienza ma anche l’esposizione mediatica per agevolarli nel proseguo della loro carriera - ha detto Eugenio Franzetti, Direttore Relazioni Esterne e Competizioni di Peugeot Italia -. Il Rally Junior Team è un impegno importante, anche da un punto di vista economico, ma per lo sport tricolore deve invece essere uno sprone a dar fiducia ed opportunità ai nostri talenti per facilitarli nella loro affermazione professionale”.  

Con lo stesso obiettivo di agevolare e allargare la base dei partecipanti ai rally italiani, la casa del Leone ha deciso di rilanciare l’attività di base dei privati, allargandola partecipazione al Peugeot Competition, giunto alla 35esima edizione: oltre alla 208 R2 sarà aperto a tutti i suoi modelli omologati a partire dal 1991 (escluse solo le versioni WRC). Per il vincitore la partecipazione da ufficiale allo spettacolare MonzaRally Show di novembre. Non manca anche l’impegno in pista con il debutto in pista della RCZ R CUP da 305 CV. La terza la Peugeot RCZ R Cup che per il terzo anno di attività si rinnova per lottare il Super Production all’interno del CITE (Campionato Italiano Turismo Endurance). All’interno del CITE prevista la terza edizione del Trofeo Peugeot RCZ Racing Cup Racing Cup dedicato ai clienti privati e riservato alle RCZ Racing Cup da 250 CV.

Per sottolineare questo suo impegno a tutto campo, Peugeot Italia riproporrà per le sue vetture in gara le gloriose livree che hanno fatto la storia del Marchio: la 208T16 si ispira a quella della 205 Turbo 16 iridata nel 1985 e 1986, la 208R2 ricorda quella della gloriosa 205 Gti Gr.A, mentre la RCZ R CUP rimanda alla 905 protagonista e vittoriosa a Le Mans negli anni ’90.

LEGGI ANCHE

La Peugeot 208 T16 raccontata da Paolo Andreucci

Peugeot ama Italia: prosegue l’accordo con la FIR

L’intervista esclusiva di Leonardo.it a Silvia Mazzetti

Peugeot RCZ R: una nuova sfida, con il Grande Sport

Donne e Motori: parola alla splendida Drift Girl Alessandra Rossi