Un cavallo per spingere ogni chilo. Si tratta  della Peugeot 208 T16 Pikes Peak. E’ la vettura preparata dalla Peugeot Sport per consentire al supercampione rally Sébastien Loeb di vincere la storica cronoscalata del Colorado, in programma il 30 giugno. I limiti sono estremi: 875 cavalli di potenza massima per un peso di 875 Kg. Per trovare un rapporto peso/potenza migliore si deve necessariamente arrivare alle monoposto: Formula 1 (circa 750 Cv per 640 Kg) e Formula Indy (circa 750 Cv per 710 Kg). Perfino le vetture della 24 ore di Le Mans, da cui il motore di questa 208 deriva, hanno un rapporto peggiore (circa 520 Cv per 900 Kg).

Le Mans, appunto. La Peugeot 908 che vinse nel 2009 ha prestato molto di sé a questa versione “bestiale” della 208. Il propulsore, innanzitutto, un V6 biturbo, montato in posizione centrale posteriore. Poi anche freni, presa d’aria del motore e l’enorme alettone di due metri: praticamente questa 208 T16 è una vettura per Le Mans.

Può sembrare un esercizio futile, ma è necessario ricordare cos’è Pikes Peak. Innanzitutto si tratta della corsa più antica negli Stati Uniti dopo la 500 miglia di Indianapolis. E’ molto seguita dagli americani, quindi offre un importante ritorno d’immagine per uno dei mercati più importanti al mondo.

Dal punto di vista tecnico, questa cronoscalata impone un dislivello di 1.436 metri e il traguardo si trova a 4.301 metri sul livello del mare. Poiché all’aumentare dell’altitudine diminuisce l’ossigeno, i motori hanno problemi di carburazione. Il direttore di Peugeot Sport, Bruno Famin, ha spiegato che un motore aspirato perde circa l’1% di potenza ogni cento metri d’altitudine; quindi al traguardo sarebbe circa il 30% in meno. Di conseguenza il motore deve essere turbocompresso e avere più cavalli che si può (il regolamento non prevede limitazioni).

Inoltre da alcuni anni l’intero percorso è asfaltato e il gran numero di tornanti (18) e curve (195) impone una vettura agile e molto carica dal punto di vista aerodinamico. Da qui, potenza, leggerezza e ali varie: risultato, un’auto per Le Mans. Con qualche differenza: la T16 ha la trazione integrale. Prestazioni paurose: accelerazione 0-100 in 1″8, una Formula 1; va da 0 alla velocità massima di 240 (siamo sui tornanti, non in pista) in 7″.

Conseguenza logica di tutto ciò: per domare questa belva ci vuole proprio Sébastien Loeb.

Qui sotto una gallery ed un video.