Mancano due giorni  alla fine del Silk Way Rally e la Peugeot sta lavorando per fornire tutta l’assistenza possibile a Cyril Despres e David Castera affinché possano conservare il loro vantaggio di 45 minuti nella classifica generale.

Così, Stéphane Peterhansel e Jean-Paul Cottret vigilano su di loro con attenzione. Lo dimostra il fatto che nella speciale di oggi, la numero 12, la 3008 DKR al comando della competizione è rimasta bloccata in cima ad una duna, poi, qualche chilometro più in là, ha avuto problemi con il servosterzo che ha smesso di funzionare, ma grazie all’intervento dell’altra vettura gemella ha potuto ricevere assistenza arrivando comunque all’ottavo posto di giornata.

Stéphane Peterhansel invece ha concluso in decima posizione ma è stato utilissimo per mantenere la leadership nella corsa. Quindi la strategia della Casa del Leone si è rivelata valida. Ma non bisogna abbassare la guardia come ricorda Bruno Famin, Direttore di Peugeot Sport e Manager del Team Peugeot Total: “anche se non è stato un incidente grave, tenuto conto delle difficoltà complessive di questo rally, il problema di oggi mostra che ancora tutto può succedere prima del traguardo. Cyril perde una ventina di minuti in questa speciale, ma cede solo undici minuti al secondo classificato, che ha avuto anche lui dei problemi. Evidentemente è una fortuna potere contare su Stéphane che guida insieme a Cyril. Il loro lavoro di oggi mostra lo stato d’animo che regna nella nostra squadra. Oltre all’aiuto pratico che Stéphane e Jean-Paul possono dare, è anche un conforto mentale. Cyril è al comando del rally e può contare sull’assistenza del compagno di squadra. Oggi Cyril ha avuto un guasto al servosterzo. Accusa una forte stanchezza alle mani e alle braccia, ma la vettura ha potuto continuare la corsa e tutto sarà di nuovo perfettamente a posto domani, dopo un po’ di riposo”.