I primi 61 km del Silk Way Rally, che hanno condotto gli equipaggi a concludere la prima tappa, hanno visto protagonista la Peugeot 3008 DKR Maxi di Sébastien Loeb trionfatrice in maniera autoritaria alla prima uscita.

Ma il campionissimo alsaziano, nonostante questo risultato, guarda con una certa apprensione la tappa numero 2 dove avrà lo scomodo compito di apripista. “La speciale è andata bene per noi e abbiamo siglato un buon tempo, anche in condizioni complicate, con fango, strade scivolose e piuttosto strette. In realtà, con le nostre carreggiate ampie, non eravamo così avvantaggiati. Abbiamo avuto qualche traversata che Daniel ha gestito bene in termini di navigazione. Domani dovremo fare da apripista. Non sarà facile ma sono le regole e dobbiamo adattarci”.

Comunque, anche nel caso in cui il cannibale dei rally non dovesse primeggiare nella seconda tappa, ecco che ci sono le altre Peugeot 3008 DKR ad ambire alla vittoria di giornata, se si considera che Stéphane Peterhansel e Cyril Despres, sono arrivati subito dopo Loeb nella prima giornata di gara, completando il podio a favore della Casa del Leone.

Particolarmente soddisfatto fino a questo momento Bruno Famin, Direttore di Peugeot Sport. “Prima di tutto i nostri tre equipaggi sono arrivati in fondo alla prima speciale e si sono piazzati nelle prime tre posizioni. Oltre all’avvio molto positivo, sembra che i nostri piloti non abbiano incontrato il benché minimo problema. Hanno saputo evitare le insidie del percorso e non hanno segnalato problemi meccanici. Anche se la speciale è stata corta, prevedeva comunque un po’ di navigazione e, con tutto questo fango, eravamo preoccupati per il meteo. Domani si preannunciano ancora condizioni delicate. Il nostro obiettivo è continuare con questo slancio”.