Dopo la disfatta di Loeb, la Peugeot ha corso con attenzione la decima tappa del Silk Way Rally, con Despress che ha rilevato la prima posizione di Loeb nella graduatoria generale ed ha portato il suo vantaggio a 47 minuti.  Quarto alla fine della tappa, ha preferito non esporsi ai rischi di un tracciato decisamente insidioso per una condotta più conservativa.

Stéphane Peterhansel invece ha atteso 8 minuti dopo la partenza l’altro pilota del Leone per seguirlo fino al termine della tappa, così ha maturato il sesto posto nella generale, ma si capisce che ormai svolge un ruolo di supporto per via del tempo perso nelle prime giornate della manifestazione.

Quindi, nonostante le tante difficoltà a livello di navigazione, Cyril Despres e Stéphane Peterhansel hanno consolidato il vantaggio Peugeot in classifica generale a 4 giorni dal termine della corsa.

Cyril Despress, dopo la tappa ha affermato: “stamattina è stato molto speciale cominciare la corsa in un contesto diverso, nella posizione di leader. Ieri, dovevamo cercare soprattutto di non commettere errori e di mantenere un buon ritmo per rimanere al secondo posto. Oggi siamo in testa. La nostra performance in questa tappa 10 non è stata eccezionale e abbiamo avuto un crescendo. La speciale era più piacevole di ieri. Abbiamo superato diversi concorrenti cinesi, sul loro terreno, e questo ci ha dato abbastanza soddisfazione. Ma abbiamo commesso un piccolo errore di navigazione a 40 chilometri dal traguardo. Siamo dovuti ritornare sulle nostre tracce perché avevamo saltato cinque chilometri dal road book. Fortunatamente avevamo preso come punto di riferimento una casa azzurra… non ce ne sono tante così in Cina! Non abbiamo conquistato la vittoria di tappa a causa di quest’errore, ma il nostro obiettivo è rimanere prudenti fino a Xi’an e non danneggiare la vettura”.