A partire dal 2015, dopo 25 anni di assenza, il Leone sarà pronto a ruggire di nuovo nel Rally Dakar. Al volante piloti prestigiosi come Carlos Sainz e Cyril Despres. Lo straordinario record stabilito lo scorso mese di giugno sulla scia dell’intensa avventura vissuta in Colorado, a 4301 metri di altitudine nella corsa più alta del mondo divorando i 20 km di Pikes Peak in poco più di 8 minuti, Peugeot Sport, Red Bull e Total si lanciano in una nuova sfida estrema: i 10 000 km del Rally Raid più lungo e più difficile del mondo.

Le dune africane hanno lasciato il posto alle piste del Sud America, altrettanto impegnative per gli uomini e la meccanica. Su questi percorsi, 25 anni dopo la sua ultima partecipazione, il Team Peugeot Total accetterà la sfida di partire, dal prossimo gennaio, con una nuova arma, la 2008 DKR.

Carlos Sainz e Cyril Despres saranno le due punte di diamante della squadra.

Carlos Sainz, che ha vinto nel 2010, metterà a disposizione tutta la sua esperienza e la sua competenza nella messa a punto della vettura, mentre il punto di riferimento del motociclismo, Cyril Despres, cinque volte vincitore in moto, ha scelto Peugeot per iniziare una nuova carriera passando dalle due alle quattro ruote. In attesa del gennaio prossimo, questi due piloti sono già impazienti di scoprire la nuova belva, che sarà sviluppata dalla stessa equipe che ha sviluppato la 208 Pikes Peak.
Appuntamento al Salone di Pechino, il 20 aprile prossimo, per saperne di più su questa leonessa.

Peugeot che in quattro partecipazioni ha ottenuto quattro vittorie, ricorda i 48125 Km percorsi tra il 1987 e il 1990.

gennaio 1987, Ari Vatanen prende il via al volante di una 205 Turbo 16
gennaio 1988, Juha Kankkunen alla guida della 205 T16
gennaio 1989, Ari Vatanen alla guida della 405 T16 Grand Raid
gennaio 1990, Ari Vatanen alla guida della 405 T16 Grand Raid

Carlos Sainz

Parla Carlo Sainz che risponde così al richiamo alla Dakar da parte di Peugeot.

Cosa ti ha convinto ad unirti a Peugeot ?
Carlos Sainz:E’ un marchio contro il quale ho combattuto spesso. Così, nel corso degli anni ho potuto constatare che è una squadra veramente appassionata delle competizioni e che quando decide di fare qualcosa nel motorsport, s’impegna al 100%. Condivido questa filosofia. Dato il mio attaccamento alla Dakar, è chiaro che se Peugeot ritorna in questa gara e mi dà l’opportunità di essere parte dell’avventura, non posso certo resistere a un tale richiamo“.

Peugeot non ha disputato la Dakar per 25 anni, pensi che questo sia un handicap?
Carlos Sainz:Non credo, perché Peugeot non ha mai smesso di costruire vetture da competizione al più alto livello, sia nei rally o nell’endurance – e anche oggi, come dimostra la 208 T16 da Rally. Da parte mia, ho già vinto la Dakar. Porterò tutta la mia esperienza di questa manifestazione che ho corso con le quattro ruote motrici e con le due ruote motrici. Noi siamo pronti per la sfida“.

Pensi che la squadra possa essere competitiva rapidamente?
Carlos Sainz:Nel motorsport nulla è mai sicuro. Oggi il livello della Dakar è molto elevato. Vincere non è facile. Tuttavia, sono molto fiducioso perché sento la squadra molto motivata. Lavoreremo duro per cercare di vincere. Non abbiamo molto tempo prima della nostra prima partecipazione, ma sono fiducioso“.

Carlos Sainz in breve
Nato 12 aprile 1962 a Madrid. Vive a Madrid.
• 1 vittoria alla Dakar ( 2010)
• sette partecipazioni alla Dakar: 1 vittoria , 1 terzo posto ( 2011) , 1 nono posto ( 2007) , un undicesimo posto nel 2006, tre ritiri (2009 , 2013 , 2014)
• Vincitore della Coppa del Mondo rally-raid nel 2007
• Due volte campione del mondo rally (1990, 1992), quattro volte vice-campione del mondo
• 26 vittorie nel Campionato del mondo rally

Cyril Despres

Parla il biker Ciryl Despres sulla decisione di passare alle quattro ruote

Come motociclista hai una carriera ricca di successi, tra cui cinque vittorie alla Dakar. Perché hai deciso di passare alle quattro ruote?
Cyril Despres:L’idea è nata in modo naturale. Quando si disputa una Dakar con una moto, ci si ritrova a passare una decina di ore da soli in sella e quindi si ha tempo per pensare. Durante l’ultima Dakar, è scattato qualcosa. Fortunatamente, Peugeot e Red Bull mi hanno offerto questa incredibile opportunità. Sono molto fiero. Non mi sono fatto tante domande. Per me è un sogno che si avvera e l’inizio di una nuova vita“.

Come ti avvicini a questa nuova sfida?
Cyril Despres:Sono consapevole che ho la grande opportunità di entrare nel mondo dell’auto dalla porta principale, in un team competitivo e professionale come quello Peugeot. Non sono sicuro che avrei fatto questo salto con un’altra squadra. Ho ancora in mente le immagini delle Peugeot che vincevano la Dakar, quando ero un bambino… Sono così ansioso di salire in macchina ora che è il mio turno!

Altri motociclisti sono passati alle quattro ruote . Qual è la tua ambizione ?
Cyril Despres:Il mio obiettivo è prima di tutto imparare ed aiutare. In una squadra come Peugeot e con un compagno di squadra come Carlos Sainz, io voglio solo migliorare. E’ motivante. Voglio davvero imparare a gestire e guidare queste vetture e come lavorare con un co-pilota. Condividere così tanto tempo con un navigatore sarà un’esperienza diversa, perché sono abituato ad essere solo in gara da oltre quindici anni!

Cyril Despres in breve
Nato il 24 gennaio 1974 a Fontainebleau (F). Vive ad Andorra.
• 5 vittorie alla Dakar categoria moto: 2005, 2007 , 2010, 2012 e 2013
• 14 partecipazioni in moto alla Dakar: 5 vittorie, 3 secondi posti (2006 , 2009 , 2011 ) , un terzo posto (2004 ), due volte quarto (2003 e 2014 ), una volta tredicesimo ( 2001) , una volta sedicesimo (2000 ), un ritiro ( 2002)
• Campione del mondo rally tout terrain 2003
• Campione del mondo enduro a squadre nel 2001